|
adsp napoli 1
03 febbraio 2023, Aggiornato alle 13,49
forges1

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

unitraco2
Infrastrutture

Fincantieri e Onex Shipyards: accordo per i cantieri greci di Eleusi

Avvieranno una linea di produzione e manutenzione di corvette, rilanciando l'industria navalmeccanica della difesa della Grecia

Panos Xenokostas, presidente e CEO di Onex Shipyards & Technologies Group, e Pierroberto Folgiero, amministratore delegato di Fincantieri

Le due società navalmeccaniche Fincantieri e Onex Shipyards & Technologies Group hanno firmato ad Atene un accordo per la creazione di una linea di produzione e manutenzione di corvette lungo tutto il loro ciclo di vita, da svolgere nei cantieri di Elefsis (Eleusi in italiano), in Grecia. La cerimonia si è svolta ad Atene nella sede del ministero dello Sviluppo greco, alla presenza del ministro Adonis Georgiadis. Hanno firmato per Fincantieri Pierroberto Folgiero, amministratore delegato, e Dario Deste, direttore generale della divisione Navi Militari, mentre per ONEX Panos Xenokostas, presidente e CEO del gruppo ateniese.

Con l'accordo vengono stabiliti i termini della collaborazione per la costruzione di 2+1 corvette all'avanguardia presso i cantieri di Onex Elefsis, insieme ai necessari aggiornamenti, miglioramenti, trasferimento di know-how e tecnologia, attrezzature, che sono stimati in circa 80 milioni euro. Onex Naval and Maritime Elefsis Shipyards, prevede la creazione di 2,500 nuovi posti di lavoro diretti e indiretti nel settore cantieristico. L'accordo favorisce una cooperazione con molteplici vantaggi per l'economia greca e il settore della difesa, che potrà essere rafforzata in vista dei futuri programmi di costruzione di navi militari e mercantili, oltre a rilanciare il centro centieristico di Eleusi. Per Fincantieri l'accordo segue i memorandum dello scorso ottobre con potenziali nuovi fornitori greci, ponendo così le basi per la definizione di possibili rapporti commerciali a lungo termine.

«La nostra strategia di costruzione si basa su un modello collaudato per aumentare l'efficacia del partner locale con il trasferimento di tecnologia, facendo leva su sinergie e interconnessioni tra la produzione in Italia e in Grecia con una visione di lungo termine», spiega Folgiero. «Facciamo inoltre leva su una prerogativa dell'industria della difesa italiana, dove una rete di piccole e medie imprese lavora insieme a quelle globali: vogliamo replicarla in Grecia per fare di Elefsis Shipyards un operatore di riferimento».

«Stiamo unendo le forze con un leader globale del settore quale è Fincantieri, formando una forte alleanza italo-greco-americana con sede in Grecia e nel Paese dei cantieri navali», commenta Xenokostas. «L'accordo odierno per lo sviluppo di una base di produzione e supporto per la linea di costruzione delle corvette all'avanguardia classe Doha è solo l'inizio. Il trasferimento di know-how e la formazione di operai, tecnici, dirigenti di Elefsis Shipyards da parte di Fincantieri è un patrimonio di rilevanza nazionale, molto più del rilancio dell'industria cantieristica. La Grecia si sta trasformando in un hub regionale per la realizzazione e il supporto di piattaforme per la Difesa. L'impegno di entrambi i gruppi è concentrato sulla Marina ellenica e sulle flotte alleate della regione, compresa quella americana».