|
Porto di Napoli
18 dicembre 2018, Aggiornato alle 16,30
intersped

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

Armatori

Equipaggi italiani cercasi

La maggior parte del personale sulle navi con bandiera Tricolore è straniero. Sempre meno anche gli ufficiali del Belpaese. Il commento di Decio Lucano


di Decio Lucano - DL News 

 

Nel 2017 Stella Maris (Cei e Apostolato del Mare italiano) ha svolto la sua benemerita e insostituibile attività di visite e assistenza agli equipaggi nel grande porto di Genova (compreso quindi il VTE). La percentuale di equipaggi italiani è del 13% superati dai filippini al 30%, seguono indiani, ucraini, turchi, cinesi e altri paesi soprattutto asiatici.

 

È la dimostrazione che la flotta mercantile italiana esiste solo nel cabotaggio che per legge è obbligato a imbarcare personale italiano, per il resto la bandiera italiana, Registro Internazionale -97%-, imbarca personale da ogni parte del mondo, purché in regola con le convenzioni Imo e Ilo.

 

Sono circa 30mila unità (min. Lavoro), di cui 10mila ufficiali e 20mila tra ufficiali e comuni (che risultano con lo status del navigante); Armamento e Capitaneria divergono sui numeri. Avremo bisogno o no di nuovi ufficiali? La Ue pronostica la carenza di almeno 10mila nuove leve nei prossimi anni.