|
napoli 2
06 agosto 2020, Aggiornato alle 14,40
intersped 2

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

unitraco2

Due terzi delle navi demolite in Asia meridionale. Nonostante il Covid

Molti cantieri hanno chiuso nel corso del secondo trimestre, ma i lavori (e gli incidenti) non si sono fermati. Il report di Shipbreaking Platform


Su un totale di 98 navi demolite nel mondo durante il secondo trimestre del 2020, ben 60 (il 61%) sono state smantellate sulle spiagge dell'Asia meridionale, dove, nonostante la chiusura della maggior parte dei cantieri a causa della pandemia, tante demolizioni sono proseguite con rischi notevoli per i lavoratori e per l'ambiente. 

I dati aggiornati e un'attenta analisi della situazione South Asia Quarterly, il bollettino periodico pubblicato dalla ong Shipbreaking Platform. Qui apprendiamo che tra aprile e giugno almeno tre lavoratori sono rimasti gravemente feriti in Bangladesh. Tra questi il trentacinquenne Jalal, che nel cantiere di demolizione navale Habib Steel è rimasto vittima di un grave incidente mentre trasportava bombole di ossigeno dall'interno della nave.