|
Porto di Napoli
16 novembre 2018, Aggiornato alle 11,30
intersped

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

Infrastrutture

Dogane, a Ravenna sdoganamento in mare anche per l'automotive

La nuova procedura sarà attivata il prossimo 7 settembre in via sperimentale


La procedura dello sdoganamento in mare delle merci al porto di Ravenna sarà prossimamente estesa anche al settore automotive. Lo ha annunciato l'Agenzia delle Dogane, precisando che la procedura sarà attivata il prossimo 7 settembre in via sperimentale e per una durata massima di sei mesi. Gli esiti di tale sperimentazione saranno valutati, sulla base della pratica applicazione, al fine dell'eventuale estensione su scala nazionale.

Tra le condizioni per l'applicazione della procedura di sdoganamento in mare di autoveicoli, è previsto che la compagnia di navigazione debba essere un soggetto AEOF, che lo sbarco degli autoveicoli avvenga esclusivamente presso i terminalisti che hanno attivato il colloquio telematico, che gli autoveicoli siano univocamente identificabili dal numero di matricola del telaio, che deve essere immediatamente visibile dall'esterno del veicolo stesso per gli eventuali riscontri, e che la compagnia di navigazione garantisca la sicurezza della catena logistica durante il trasporto degli autoveicoli dal luogo di produzione fino all'uscita dagli spazi doganali del porto di Ravenna nonché durante le soste nei piazzali portuali prima dell'imbarco e dopo lo sbarco al fine di evitare ogni possibile accesso ai veicoli da parte di soggetti non autorizzati. Gli operatori interessati allo sdoganamento in mare di autoveicoli dovranno presentare richiesta della procedura di sdoganamento in mare all'Ufficio delle Dogane di Ravenna.