|
napoli 2
08 aprile 2020, Aggiornato alle 16,16
intersped 2

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

speciale1
Armatori

d'Amico torna all'utile nel 2019

Il consiglio di amministrazione del gruppo armatoriale ha approvato il bilancio al 31 dicembre


Un 2019 in crescendo (con il ritorno all'utile) quello di d'Amico International Shipping. DIS ha infatti realizzato un risultato netto pari a meno 27,5 milioni di dollari contro la prdita di 55,1 milioni registrata nel 2018. Esclusi tutti gli effetti non ricorrenti da entrambi gli anni, nonché' gli impatti derivanti dall'applicazione di IFRS 16 dal 2019, il risultato netto di DIS è pari a meno 7,7 milioni di dollari nel 2019 rispetto ai meno 57,4 dell'anno precedente. In particolare, il gruppo è tornata alla profittabilità nel quarto trimestre del 2019 (la prima volta dal 2017), registrando un risultato netto pari a 4,9 milioni e un risultato netto rettificato pari a 7,4 milioni (Q4'18: risultato netto di meno 13,9 milioni e risultato netto rettificato di meno13 milioni. 

I dati sono quelli esaminati e approvati dal consiglio di amministrazione di d'Amico International Shipping S.A., relativi al progetto di bilancio statutario e consolidato al 31 dicembre 2019. L'importante risultato conseguito, spiega la società armatoriale, è attribuibile principalmente alle migliori condizioni di mercato e alle efficienze di costo ottenute nel corso del 2019. DIS ha realizzato una media spot giornaliera pari a 13,683 dollari nel 2019, corrispondente ad un incremento di 2,885 al giorno rispetto alla media di10,798 ottenuta nel 2018. 

In coerenza con la solita prudente strategia commerciale, DIS riferisce di aver mantenuto un livello elevato di copertura nel 2019, pari al 51,9% dei giorni totali, ad una media giornaliera di US$ 14,760. La media totale TCE (spot e time-charter) è stata quindi pari a US$ 14,239 nel 2019 vs. US$ 12,184 nel 2018. Come menzionato, l'ultimo trimestre dell'anno è stato particolarmente positivo, e questo ha consentito di ottenere una media spot giornaliera pari a US$ 17,242 vs. US$ 11,617 generata nello stesso trimestre del 2018. Tale risultato si deve all' usuale incremento stagionale della domanda e all'entrata in vigore, a partire da gennaio 2020, delle nuove regolamentazioni Imo sui carburanti marittimi. 

Le prospettive
"Ad eccezione di una breve correzione dovuta al raggiungimento del picco nei contagi da Coronavirus in Cina – ha detto Paolo d'Amico, presidente e amministratore delegato di d'Amico International Shipping –, il mercato ha continuato ad essere molto forte nel primo trimestre del 2020, con un trend di noli crescente a partire da metà febbraio. Il valore dei noleggi a periodo e delle nostre navi hanno continuato a salire nel corso del 2019. Al momento, la stima della rata time-charter per periodi di un anno è pari a US$ 15,500 al giorno per MR2 convenzionali e di US$ 16,750 per MR2 Eco".

"Siamo ovviamente preoccupati per il Covid-19 – ha aggiunto Paolo d'Amico –, sia da un punto di vista umano che commerciale. Al momento, l'impatto del virus sul settore delle product tanker è stato limitato. Infatti, la brusca riduzione del consumo di petrolio in Cina, è stata parzialmente compensata da un incremento delle esportazioni di prodotti raffinati, in particolare ‘jet fuel', dall'Asia, su lunghe distanze, verso l'emisfero occidentale. Il mercato delle product tanker dovrebbe inoltre trarre beneficio dagli stimoli fiscali e monetari previsti a seguito del Covid-19. I reali impatti economici del Coronavirus – ha concluso d'Amico - sono comunque ancora incerti e manteniamo un approccio prudente per il secondo trimestre dell'anno. Come già comunicato nelle nostre precedenti relazioni trimestrali, DIS ha gradualmente tratto vantaggio dall'interesse crescente da parte di oil-major ed importanti trading house internazionali per fissare alcune delle proprie navi con contratti time-charter a livelli profittevoli".
 

Tag: bilanci