|
Porto di Napoli
19 dicembre 2018, Aggiornato alle 12,49
intersped

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

Fotopost

Contrabbandieri tra le onde

A caccia di "bionde": guardie e ladri sui mari tra la fine degli anni '70 e l'inizio degli '80 


"Venite a vedere", gridava qualche ragazzo, "c'è l'inseguimento!" E la partita di pallone s'interrompeva per alcuni minuti mentre tutti ci affollavamo al parapetto per assistere al vibrante spettacolo che si svolgeva in mezzo al golfo: uno o due motoscafi che filavano a tutta birra, lasciando nell'acqua lunghissime scie, e dietro un paio di imbarcazioni grigie che sembravano arrancare, inesorabilmente distanziate. Per un adolescente che alla fine degli anni Settanta abitava a Posillipo, l'appassionante inseguimento tra gli scafi della Finanza e quelli dei contrabbandieri di sigarette (che quasi sempre riuscivano a fuggire) era una consuetudine pomeridiana. Poi all'inizio degli anni Ottanta le rotte del contrabbando si spostarono in Puglia e le "bionde" hanno cominciato ad arrivare a Napoli solo via terra. Ma quelle sfide tra guardie e ladri sui mari, nessuno ragazzo di allora le ha più dimenticate. (Mar. Mo.)