|
napoli 2
04 luglio 2020, Aggiornato alle 15,15
intersped 2

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

Armatori

Consiglio di Stato, nessun cartello tra gli armatori campani

L'organo giudicante ha accertato che non vi è stata alcuna intesa anticoncorrenziale tra gli armatori attivi nel trasporto marittimo di passeggeri nei golfi di Napoli e di Salerno

Non vi è stata alcuna intesa anticoncorrenziale tra gli armatori privati campani attivi nel trasporto marittimo di passeggeri nei golfi di Napoli e di Salerno. Lo ha accertato in via definitiva il Consiglio di Stato con la sentenza n. 3773/2016. Il pronunciamento conferma quindi quanto era già stato disposto in primo grado dal Tar del Lazio con l'annullamento della sanzione precedententemente comminata dall'AGCM.


A riferirlo è lo Studio legale Cintioli & Associati, che nella vicenda ha assitito Alilauro Spa, Alicost Spa, Alilauro Gruson Spa, Servizi Marittimi Liberi Giuffré & Lauro Srl. Il contenzioso era nato a seguito di un provvedimento sanzionatorio che l'Antitrust aveva assunto  nei confronti dei quattro armatori campani, accusati di non aver rispettato gli impegni assunti ai sensi dell'art. 14-ter legge n. 287/1990 in occasione di una precedente istruttoria e di aver realizzato un'intesa anticoncorrenziale nel mercato del trasporto marittimo passeggeri nei golfi di Napoli e di Salerno oltre che con le Isole Eolie e Pontine.


In particolare, spiega lo studio legale, il Consiglio di Stato ha definitivamente accertato che gli impegni assunti dagli armatori nei confronti dell'AGCM "non possono considerarsi formalmente o sostanzialmente inadempiuti" e che il provvedimento sanzionatorio, nella parte in cui ha accusato i vettori di aver realizzato un'intesa anticoncorrenziale, è illegittimo in quanto viziato da "eccesso di potere sotto i profili della incompletezza dell'istruttoria e della contraddittorietà e incoerenza della motivazione".

L'odierno successo ottenuto dinanzi al Consiglio di Stato, ricorda lo studio Cintioli & Associati, si unisce agli importanti risultati ottenuti nella vicenda relativa al presunto cartello "traghetti Sardegna", con la vittoria ottenuta al fianco delle compagnie Grandi Navi Veloci S.p.A., Marinvest s.r.l. e Snav S.p.A., nonché nel procedimento antitrust sul trasporto marittimo di passeggeri e mezzi pesanti sullo Stretto di Messina, in cui lo Studio ha assistito la società Caronte & Tourist S.p.A. ottenendo la chiusura dell'istruttoria con l'accertamento dell'insussistenza di alcuna infrazione.