|
napoli 2
16 settembre 2021, Aggiornato alle 19,41
intersped 2

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

unitraco2
Logistica

Connettività marittima italiana in calo

Nell'ultimo trimestre l'indice Unctad vede un tasso in flessione dell'1,9 per cento. Cala anche la connettività dei porti, però Civitavecchia, Salerno e Venezia sono in crescita

(Bernard Spragg. NZ/Flickr)

Il secondo trimestre di quest'anno segna un rallentamento della connettività marittima per l'Italia. Lo rileva l'ultimo Liner Shipping Connectivity Index della Conferenza delle Nazioni Unite sul Commercio e lo Sviluppo, o Unctad.

Tra aprile e giugno di quest'anno il tasso dei servizi di trasporto mercantile nella penisola è diminuito dell'1,9 per cento, pari a un valore di 75,1 punti su 100 (il valore più alto è ricavato dalla performance del Paese migliore nel primo trimestre 2006).

Cala anche il port liner shipping, l'indice di connettività dei porti. Il porto di Gioia Tauro è quello più connesso (che segna un calo dell'1,4 per cento), seguito da Genova (-3,2%), La Spezia (-2,5%), Trieste (-0,5%) e Napoli (-2,8%). Civitavecchia è uno dei porti che vede crescere la connettività, del 12,3 per cento, seguito da Salerno (+0,4%) e Venezia (+2,9%).

-
credito immagine in alto