|
Porto di Napoli
16 novembre 2018, Aggiornato alle 11,30
intersped

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

Politiche marittime

Concessioni e tariffe, ART introduce nuove misure

Approvata delibera su equo accesso alle infrastrutture portuali


Con la delibera n. 57/2018, l'Autorità di Regolazione dei Trasporti (ART) ha approvato nuove misure di garanzia per «l'accesso equo e non discriminatorio alle infrastrutture portuali». 
 
È una guida per le 15 autorità di sistema portuale italiane per avere un quadro di riferimento univoco in materia di concessioni, autorizzazioni, contabilità, canoni, tariffe. Un'ingerenza di potere, secondo alcune associazioni del settore che a gennaio scorso avevano contestato una delibera su alcuni di questi aspetti, sottolineando la primareità del ministero dei Trasporti. 
 
La misura principale della delibera pubblicata il 31 maggio  riguarda l'introduzione di un «sistema incentivante» per la determinazione dei canoni e la durata delle concessioni agli investimenti. Le altre misure riguardano l'individuazione delle aree, delle banchine portuali e dei relativi canoni demaniali e tariffe portuali; l'individuazione delle attività soggette ad autorizzazioni; criteri di contabilità regolatoria e, infine, la verifica dei meccanismi incentivanti. 
 
L'ART ha sottolineato un'«ampia adesione degli stakeholders» tramite la consultazione avviata il 22 dicembre 2017, chiusa il 2 febbraio successivo, continuata con un'audizione l'8 febbraio e incassando i pareri dell'Autorità garante della concorrenza e del mercato e dell'Autorità nazionale anticorruzione (ANAC), quest'ultima, riferisce ART, che considera le misure idonee a prevenire la corruzione.