|
napoli 2
01 dicembre 2020, Aggiornato alle 18,54
intersped 2

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

unitraco2
Armatori - Eventi

Civitavecchia lancia il corso per tecnico superiore infomobilità e infrastrutture Logistiche

Per il percorso formativo è stato firmato un protocollo tra Fondazione Caboto, Autorità di Sistema Mar Tirreno centro Settentrionale ed Escola Europea


A Civitavecchia un corso per Tecnico Superiore per l'Infomobilità e le Infrastrutture Logistiche. Lo promuovono l'ITS Fondazione G. Caboto insieme all'Autorità di Sistema Portuale del Mar Tirreno Centro Settentrionale e all'Escola Europea - Intermodal Transport, che hanno annunciato la firma di un protocollo d'intesa per l'avvio della prima edizione del percorso formativo che si terra nella sede dell'Autorità di Sistema. Al progetto partecipano oltre quindici imprese del territorio e l'IIS L. Calamatta di Civitavecchia (Istituto Tecnico Trasporti e Logistica). 

Il contesto in cui si inserisce il nuovo corso è quello della "logistica integrata", un comparto trainante dell'economia italiana con un trend di crescita stabile negli ultimi cinque anni, sia per l'import, sia per l'export. In tale scenario, il trasporto marittimo e i porti giocano un ruolo sempre più importante: la quasi totalità delle merci scambiate a livello globale avviene mediante navi, in termini di volume; mentre proprio nel territorio di Civitavecchia si è registrata la concentrazione di molti investimenti relativi allo sviluppo del porto e di tutte le attività collegate. 

Per Cesare d'Amico, presidente dell'ITS Fondazione Caboto, "il protocollo consente di contribuire a creare valore nel settore, promuovendo una serie di iniziative nell'ambito della logistica, trasporti e commercio. Il nuovo Corso per Tecnico Superiore per l'Infomobilità e le Infrastrutture Logistiche, vuole essere una risposta concreta alle esigenze delle aziende del territorio di Civitavecchia, che nonostante abbiano registrato negli ultimi tempi un forte sviluppo, riescono con sempre maggiore difficoltà a reperire profili tecnici specializzati nel comparto della logistica integrata". 

"Il progetto nasce con uno spirito internazionale, essenziale per le reti di trasporto e la logistica – ha dichiarato Eduard Rodés, direttore dell'Escola Europea –. Daremo grande importanza all'educazione ai valori e alle competenze che chiamiamo "Blue Skills", per la nuova economia blu. Digitalizzazione, ambiente e sostenibilità, insieme alla lingua inglese, sono competenze fondamentali per i futuri professionisti del settore, e per questo verranno approfondite. Lavoreremo per rendere il centro di formazione di Civitavecchia un punto di riferimento nel Mediterraneo e in Europa". 

"Un nuovo importante percorso formativo che ha, ancora una volta, come fulcro il porto di Civitavecchia – ha detto Francesco Maria di Majo, presidente dell'Autorità di Sistema Portuale del Mar Tirreno Centro Settentrionale -. Questo grazie anche alla continua e incessante sinergia con la Escola Europea - Intermodal Transport e, da oggi, con l'ITS – Fondazione Caboto di Gaeta. Oggi più che mai abbiamo bisogno di giovani qualificati e preparati ad affrontare le sfide che ci aspettano e che vanno nella direzione dello sviluppo ecosostenibile, intermodale e sempre più integrato alle reti di trasporto europee del porto di Civitavecchia anche in vista della istituenda Zona Logistica Semplificata e del progetto di riconversione ‘green' di importanti aree a nord del principale scalo del network laziale. L'AdSP, come tutti i partner del progetto, è consapevole della necessità di gettare le basi per una nuova economia più inclusiva, digitale e sostenibile che metta al centro il fattore umano. Un programma di formazione, dunque, legato alla logistica, ai trasporti, alle operazioni portuali e al commercio internazionale per giovani e disoccupati che possano lavorare al servizio di aziende e operatori del territorio".

Obiettivi formativi
Il nuovo corso ha come obiettivo la formazione di una nuova figura professionale che sarà in grado di gestire le attività logistiche nel segmento di mercato delle supply chain porto-centriche. I tecnici gestiranno i processi di spedizione e le attività logistiche connesse (magazzino, allestimenti, trasporto intermodale, ciclo dell'ordine) che intervengono nella gestione delle merci importate o esportate mediante un porto e della relazione tra il porto e l'area di scarico o carico. Il tecnico dovrà essere in grado di gestire le interfacce tra attori della supply chain e dovrà avere una elevata familiarità con la normativa, le prassi internazionali sulle spedizioni e con le tecnologie della informazione e della comunicazione applicate ai sistemi logistici e di trasporto. 

La didattica
Le attività didattiche, che vedranno la partecipazione di 25 allievi, si svolgeranno a Civitavecchia (RM) presso le aule e le infrastrutture dell'Autorità di Sistema Portuale del Mar Tirreno Centro Settentrionale e presso altre strutture pubbliche e private. Ogni allievo svolgerà anche un periodo di Stage di 800 ore, oltre a visite di studio e Project Work presso aziende partner. Particolare attenzione sarà dedicata al trasferimento di competenze digitali in ambito applicativo. Il percorso formativo sarà finalizzato a fornire agli allievi le competenze per l'utilizzo di software applicativi, ausili, apparecchiature e strumenti digitali e tecnologicamente avanzanti per lo svolgimento del proprio lavoro in ambito 4.0. Il corso è destinato a tutti i diplomati di scuola secondaria superiore di 2° grado ed il bando di selezione è stato aperto lo scorso 8 ottobre. La domanda di ammissione, disponibile online sul sito www.fondazionecaboto.it, nella sezione "Iscrizioni On Line" dovrà pervenire entro e non oltre le ore 12.00 del 28 ottobre 2020 sul sito oppure inviata in forma cartacea, all'indirizzo Via Annunziata, 58 – 04024 Gaeta (LT).
 

Tag: formazione