|
napoli 2
12 dicembre 2019, Aggiornato alle 12,47
intersped 2

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

Click&Boat 2
Logistica

Civitavecchia guarda a Tunisi e Verona

Accordo commercial-promozionale con la Marine Marchande et des Ports e uno con il Consozio Zai per potenziare progetti europei di collegamento


Il porto di Civitavecchia espande le proprie attività in Tunisia e in Nord Italia attraverso due accordi, uno con la Marine Marchande et des Ports del paese africano (l'ente che gestisce i porti del Paese) e un altro con l'Interporto Quadrante Europa (Consorzio Zai) di Verona.

Con l'ente pubblico tunisino c'è un'intesa commercial-promozionale per «promuovere e favorire scambi di esperiene e commerciali», ha spiegato il presidente Imed Zammit, e per «avere accesso, con progetti comuni e più strutturati, a finanziamenti europei» ha aggiunto il presidente dell'Autorità portuale di Civitavecchia Pasqualino Monti. Il porto laziale ha già una linea diretta trisettimanale con Tunisi.

Per quanto riguarda l'intesa con il Consorzio Zai, l'accordo serve a potenziare i collegamenti commerciali tra porto e interporto «in linea ed in coerenza con i principi generali dell'Unione europea in materia di trasporti». In particolare, rientrano nell'intesa progetti per un corridoio doganale ferroviario Civitavecchia-Verona, l'avvio di piattaforme logistico-intermodali e promozioni commerciali. «Il paradosso italiano – secondo Monti - è che i nostri mercati di consumo siano in buona parte serviti dai porti nordeuropei. Con questo accordo intendiamo rovesciare il trend, servendo da Civitavecchia, insieme all'interporto di Verona, il nord Italia ed il centro Europa». I finanziamenti a cui punteranno il porto e l'interporto riguardano la call delle reti transeuropee di trasporto (TEN-T).