|
napoli 2
06 dicembre 2019, Aggiornato alle 17,29
intersped 2

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

Click&Boat 2
Infrastrutture

Castellammare, taglio lamiera per la Cunard numero 249

La storica compagnia britannica affida la costruzione del primo troncone allo stabilimento Fincantieri campano


Cunard e Fincantieri hanno celebrato oggi l'inizio della costruzione della 249a nave della compagnia crocieristica fondata 181 anni fa. La nave sarà un'unità di lusso, ancora senza nome, e sarà la seconda nave più grande a battere la bandiera della storica compagnia di navigazione britannica.

Il primo troncone è in costruzione presso il cantiere di Castellammare di Stabia di Fincantieri, che nel 2007 ha consegnato "Queen Victoria" e nel 2010 "Queen Elizabeth". La cerimonia ha riguardato il taglio della lamiera, segnando l'inizio dei lavori di costruzione che culmineranno con la consegna a Monfalcone (Gorizia) nel 2022.

«La 249° "Cunarder" sarà la nostra quarta unità di lusso. Si ispira ai successi del nostro passato, integrando lo spirito Cunard», ha commentato Simon Palethorpe, presidente di Cunard. «Siamo orgogliosi di dare inizio a questo capitolo della storia di Cunard con l'inizio della costruzione della nuova nave e non vediamo l'ora di lavorare con loro e con Carnival UK squadre nei prossimi mesi».

Cunard ha inoltre annunciato di aver commissionato una scultura ricavata dal primo pezzo di acciaio tagliato per la nuova unità. Il lavoro sarà affidato allo scultore Sam Shendi, per essere poi esposto a bordo. Shendi è uno scultore britannico di origini egiziane che utilizza materiali industriali, come acciaio, acciaio inossidabile, alluminio e fibra di vetro. «Creare una scultura dall'acciaio tagliato per la loro nave rappresenta un'opportunità unica. Qualsiasi artista sarebbe entusiasta di entrare a far parte di una storia così ricca e sapere che le proprie opere viaggeranno per il mondo, mettendo in collegamento ospiti da tutti gli angoli del globo», ha commentato Shendi.

Il design degli interni è stato affidato a una squadra di architetti che fa capo al designer Adam D. Tihany. Un pluripremiato team di progettazione che comprende Simon Rawlings (David Collins Studio), Terry McGillicuddy (Richmond International) e Sybille de Margerie (Sybille de Margerie Paris).