|
adsp napoli 1
24 aprile 2024, Aggiornato alle 19,49
forges1

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

unitraco2
Politiche marittime

Capitanerie, al via Mare Sicuro 2023

La novità per la Liguria sarà la presenza della Guardia Costiera anche sul Lago Maggiore

(Francesco Gasparetti/Flickr)

È partita l'operazione estiva "Mare Sicuro" della Guardia Costiera della Liguria che, fino al 17 settembre, vedrà ogni giorno circa 500 donne e uomini delle diverse articolazioni territoriali della regione e oltre 30 mezzi navali e mezzi aerei impegnati lungo i 350 chilometri di coste, come pure sul Lago Maggiore, pronti a intervenire in caso di emergenza.

L'avvio dell'operazione avviene in un periodo che ha visto, tra l'altro, nella giornata di lunedì 12, l'inaugurazione della sede del "Nucleo mezzi navali Guardia Costiera - Lago Maggiore", alla presenza del ministro  delle Infrastrutture, Matteo Salvini, e del comandante generale delle Capitanerie, Nicola Carlone. Una presenza, quella della Guardia Costiera sul Lago Maggiore, che da quest'anno non si concentrerà nella sola stagione estiva, come avviene dal 2008, ma che diventerà permanente, con un servizio operativo attivo 365 giorni l'anno, 24 ore su 24.

L'operazione Mare Sicuro, che vede intensificare lo sforzo operativo della Guardia Costiera in occasione della stagione estiva, non si rivolge solo a bagnanti e diportisti. Con questa operazione viene incrementata anche l'attività ispettiva della Guardia Costiera a tutela dell'ambiente e a garanzia del regolare utilizzo della fascia costiera, un'attività che ha portato l'estate scorsa a restituire alla fruizione dei cittadini oltre 290 mila metri quadrati di spiagge libere illecitamente occupate su tutto il territorio nazionale.

Anche quest'anno - a conferma del successo delle passate stagioni - i diportisti potranno contare sul rilascio del "bollino blu", che eviterà inutili duplicazioni nei controlli sulle unità, favorendo il principio di autotutela ai fini della sicurezza.

Durante la scorsa stagione estiva sono state circa 250 le persone salvate e poco meno di un centinaio le unità da diporto soccorse. La maggior parte delle emergenze in mare è correlata a situazioni di pericolo prevedibili ed evitabili (avarie al motore e avverse condizioni meteo-marine); per tale motivo la Guardia Costiera affianca all'attività operativa quella di informazione e prevenzione, essenziale per portare il cittadino a vivere il mare con prudenza, in sicurezza e nel rispetto dell'ambiente.

-
credito immagine in alto