|
napoli 2
11 aprile 2021, Aggiornato alle 16,33
intersped 2

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

unitraco2
Politiche marittime

Cabina di regia per il mare discussa alla Camera. Giugni (Marevivo): "Risultato inseguito da anni"

L'Italia, spiega l'associazione, con i suoi 8000 chilometri di coste, 32 aree marine protette, 9 arcipelaghi, 27 isole minori, oltre 500 tra porti e approdi e un'economia legata al pianeta blu


Oggi in Prima Commissione alla Camera, all'interno della proposta di legge C. 2915, va in discussione l'emendamento per la costituzione di una Cabina di Regia per il Mare all'interno del CITE. "Un provvedimento indispensabile per una proficua e giusta politica del mare – dichiara Rosalba Giugni, presidente di Marevivo –, speriamo di ottenere questo risultato inseguito da anni". 

Marevivo lo ha chiesto con una lettera al presidente del Consiglio Mario Draghi e al ministro della Transizione Ecologica Roberto Cingolani, lo ha fatto presente in Commissione Ambiente al Senato durante le audizioni sul PNRR e inoltre è stato presentato a firma dell'On Paola Deiana un emendamento al DL sul riordino delle attribuzioni dei ministeri.

L'Italia, spiega Marevivo, con i suoi 8000 chilometri di coste, 32 aree marine protette, 9 arcipelaghi, 27 isole minori, oltre 500 tra porti e approdi e un'economia legata al mare che contribuisce per il 3% al Pil del Paese, senza contare al benessere fisico e mentale per chi frequenta o vive in quei luoghi, non possiede un ministero che gestisca questo immenso patrimonio. Dalla dismissione del dicastero della Marina Mercantile i temi legati al mare (es. pesca, trasporti, difesa, turismo, conservazione del patrimonio naturale) sono stati divisi tra sette ministeri e non esiste più una politica forte ed integrata.