|
adsp napoli 1
28 maggio 2024, Aggiornato alle 08,25
forges1

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

forges4
Logistica

Brennero, verso un sistema a slot. Anita contraria

Oggi i governatori di Austria, Tirolo e Baviera dovrebbero accordarsi su un sistema di prenotazione per i mezzi pesanti. Secondo l'associazione crea un'eccezione alla libera circolazione delle merci

(Alang7™/Flickr)

Oggi a Kufstein, in Austria, il governatore del Tirolo, Anton Mattle, il primo ministro della Baviera Markus Söder e il governatore dell'Alto Adige, Arno Kompatscher, dovrebbero accordarsi su un sistema di gestione digitale del traffico lungo il corridoio del Brennero firmando una dichiarazione di intenti.

Secondo l'associazione italiana degli autotrasportatori Anita, però, questo sistema, essendo basato sulla prenotazione obbligatoria dei transiti di mezzi pesanti, è contrario al principio di libera circolazione delle merci e delle persone nell'Unione europea, «oltre che risultare di impossibile attuazione sia dal punto di vista pratico che operativo», commenta il presidente di Anita, Thomas Baumgartner.

I dubbi sulla tenuta giuridica di un tale sistema sarebbero anche confermati dai contenuti dell'accordo che i governatori firmeranno, visto che viene indicata la necessità che a questo accordo intergovernativo ne segua uno con la Commissione europea.

Secondo Peter Hilpold, docente di diritto internazionale ed europeo all'Università di Innsbruck, «con l'introduzione di un sistema di prenotazione obbligatoria dei transiti si rischia si partire dal tetto e non dalle fondamenta. In un sistema retto dal principio del governo del diritto, come quello dell'Unione europea, si crea una situazione poco trasparente e un precedente non solo pericoloso ma anche costoso per tutti gli Stati e territori coinvolti».

«Il piano in 10 punti di Berlino del 2019, richiamato nelle premesse della dichiarazione di intenti, già prevedeva una stretta collaborazione tra Austria e Germania per la realizzazione di un sistema intelligente di controllo dei mezzi pesanti – prosegue Baumgartner – a distanza di quattro anni non si è mai concretizzato a dimostrazione della complessità del progetto, che nuovamente si intende riproporre».

Più che di slot e prenotazioni, per risolvere i problemi di circolazione secondo Anita bisognerebbe prima potenziare le tracce ferroviarie sul territorio bavarese verso la galleria del Brennero. «Continuiamo a essere convinti – conclude Baumgartner – che l'unica soluzione per fluidificare il traffico e diminuire la congestione lungo il Brennero resta sempre quella di eliminare i divieti di circolazione e i pedaggi notturni per i mezzi pesanti».