|
Porto di Napoli
19 ottobre 2018, Aggiornato alle 10,09
intersped

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

Bandiere blu, Campania prima nel Mezzogiorno. C'ਠanche Marina d'Arechi

Sono 18 le spiagge regionali segnalate. Lo scalo salernitano, tra i migliori approdi, conferma inoltre il "5 timoni"


Sono 18 le bandiere blu - tre in più rispetto allo scorso anno – ottenute dalle spiagge campane nel 2018. E nella categoria degli approdi turistici, guadagna l'ambito riconoscimento anche lo scalo salernitano di Marina d'Arechi. Ma andiamo con ordine.


Le spiagge


La Campania si conferma prima regione del Mezzogiorno, e la terza in Italia, per spiagge e mare pulito. Piano di Sorrento, Sorrento e Ispani sono i nuovi comuni campani inseriti nella prestigiosa graduatoria della Foundation for Environmental Education (Fee). "Le 18 bandiere blu alla Campania premiano le scelte di sostenibilità intraprese dall'amministrazione regionale e dai Comuni che, rispondendo ai requisiti previsti per l'assegnazione internazionale, garantiscono la qualità del mare e dei servizi erogati nel rispetto dell'ambiente" è il commento del presidente dell'amministrazione regionale Vincenzo De Luca.


Gli approdi


 "Bandiera Blu - approdi" e "5 timoni" su cinque per i Marina Excellence. Doppio riconoscimento per il nuovo porto turistico della città di Salerno, Marina d'Arechi. Dopo aver avuto la conferma, da parte del Registro Italiano Navale, dei 5 timoni di eccellenza dell'infrastruttura e dei suoi servizi, anche la Fee, ovvero la Foundation for Environmental Education ha ufficializzato l'elenco degli approdi italiani che hanno ottenuto il riconoscimento di Bandiera Blu nella categoria degli approdi, rientrando tra le 70 strutture italiane premiate per quest'anno, rispetto alle centinaia di porti presenti lungo l'intero profilo costiero nostrano.

 

Un riconoscimento non semplice da ottenere, perché occorre rispettare 25 criteri messi nero su bianco dalla Fee, e che riguardano quattro ambiti specifici: l'educazione e la gestione ambientale,  servizi, sicurezza, qualità delle acque. Tra i criteri rispettati da Marina d'Arechi, dunque, rientra la presenza di contenitori per la raccolta differenziata di rifiuti riciclabili come vetro, alluminio, carta, plastica, rifiuti organici; la conservazione e la biodiversità degli ecosistemi marini; nonché l'assoluto divieto di riversamento di acque di scarico, all'interno della zona cantiere e pulizia delle imbarcazioni,  nel territorio e nelle acque facenti parte dell'approdo o nelle aree naturali circostanti.


La conferma della Bandiera Blu nella categoria approdi anche per il 2018 arriva a pochissima distanza temporale dalle segnalazioni di alcuni cittadini circa lo stato di incuria e degrado, nonché di sporcizia in cui versa sia il verde pubblico che il litorale di Salerno proprio nella zona dove insiste Marina d'Arechi. Un paradosso che ben fa capire come solo attraverso una capillare azione di salvaguardia dell'ambiente si possa non solo garantire decoro alla città, ma anche essere punto di riferimento per i turisti che vengono a conoscere la realtà salernitana. Oltre ad essere "green" per la capillare policy interna di rispetto dell'ambiente, il Marina d'Arechi ha fatto incetta anche dei timoni che, annualmente, il Registro Italiano Navale assegna ai porti della penisola. Anche qui il riconoscimento è del tutto prestigioso, visto lo score altissimo ottenuto da Mda: cinque timoni su cinque, che confermano, anche per il 2018, come il nuovo porto turistico salernitano sia un "Marina Excellence". Anche in questo caso sono 30 i criteri messi alla base dell'assegnazione della qualifica. Criteri che riguardano la sostenibilità ambientale interna all'infrastruttura, ma anche la sicurezza, e, soprattutto, il ventaglio e la qualità dei servizi offerti ai diportisti.

 
"Un doppio riconoscimento - spiega il Marina Manager Mda, Anna Cannavacciuolo – che ben testimonia l'impegno quotidiano che tutta la squadra di Marina d'Arechi rivolge al rispetto dell'ambiente, alle buone pratiche, all'attenzione e alla cura del mare  su cui l'infrastruttura si affaccia. Stessa attenzione e cura che rivolgiamo alle imbarcazioni e ai diportisti che scelgono Marina d'Arechi come luogo in cui vivere il proprio tempo libero".