|
napoli 2
20 ottobre 2021, Aggiornato alle 17,52
intersped 2

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

unitraco2
Logistica

Balzo dei traffici a Napoli e Salerno

Tra gennaio e maggio ripresa dei volumi in tutti i settori. Container stabili nel capoluogo campano, in crescita a Salerno. Gas naturale liquefatto in forte recupero

Un molo della stazione marittima di Napoli (Dennis Jarvis/Flickr)

Cinque mesi di rimbalzo per il traffico del sistema portuale della Campania. Tra gennaio e maggio di quest'anno i porti di Napoli e Salerno hanno movimentato 13,7 milioni di tonnellate merci, il 13,4 per cento in più rispetto ai primi cinque mesi del 2020. Crescono tutti i settori.
 
A maggio il movimento generale è stato di quasi 3 milioni di tonnellate, in crescita del 21,8 per cento. Napoli ha movimentato 1,5 milioni (+27,7%) di tonnellate merce, Salerno 1,2 milioni di tonnellate merce (+13,6%).

A Napoli, nei primi cinque mesi, il movimento di passeggeri è stato di 744 mila persone sbarcate e imbarcate, pari a un +7,5 per cento, mentre Salerno cala del 10,7 per cento. I crocieristi di Napoli movimentati tra gennaio e maggio sono stati 33,672, rispetto al quasi zero dei primi cinque mesi del 2020.

Nei primi cinque mesi dell'anno il traffico container in TEU a Napoli si mantiene stabile (270 mila TEU, -0,1%), mentre a Salerno è in rialzo del 7,4 per cento (176 mila TEU). In tonnellate la rispettiva variazione percentuale è di +2,3 per cento e +10,4 per cento.

Il traffico delle rinfuse liquide cresce del 9,2 per cento tra gennaio e maggio, pari a 2 milioni di tonnellate. Il movimento di gas naturale liquefatto di Napoli continua la ripresa (+92,5%).

I rotabili crescono con lo stesso andamento sia a Napoli che a Salerno (+16 per cento), anche se quest'ultimo porto ne movimenta oltre il doppio in volumi.

Per maggiori informazioni, si rimanda al sito dell'Autorità di sistema portuale del Tirreno Centrale.

-
credito immagine in alto