|
adsp napoli 1
04 dicembre 2022, Aggiornato alle 10,16
forges1

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

unitraco2
Logistica

Autotrasporto, come funziona il "buono patente"

Per stimolare l'ingresso di nuovi autisti lo stato eroga fino a 2,500 euro per ottenere la CQC per i mezzi pesanti. Stanziati 24 milioni fino al 2026. Il punto di Fai-Conftrasporto

(Audrey/Flickr)

Sulla Gazzetta ufficiale numero 244 del 18 ottobre è stato pubblicato il decreto interministeriale del 30 giugno scorso con cui sono stati dettati i criteri e le modalità di erogazione del "buono patente autotrasporto", attraverso il quale si vuole facilitare l'accesso alla patente del settore (C, CE, D e DE) e migliorare così la cronica mancanza di autisti dei mezzi pesanti.

Il buono patente è stato  istituito con la legge 15/2022. Distribuisce 24,3 milioni di euro tra il 2022 e il 2026: 2,7 milioni quest'anno e 5,4 milioni per ciascun anno successivo. Risorse che saranno distribuite ai richiedenti in ordine cronologico fino ad esaurimento, in base alle domande presentate su un'apposita piattaforma informatica, anche se, come sottolinea la Fai-Conftrasporto, attualmente non è ancora  attiva.

Come funziona il buono patente
Secondo le stime dell'associazione, il "programma patenti giovani autisti per l'autotrasporto", annesso al buono patente, prevede di ottenere dai 1,100 ai 2,200 autisti in più ogni anno, per un totale di quasi 10 mila nei prossimi cinque anni. I cittadini italiani ed europei tra i 18 ed i 35 anni possano chiedere un contributo per le spese da sostenere per conseguire le patenti necessarie per la guida degli automezzi per trasporto di merci (C, CE) o di passeggeri (D, DE) e della relativa carta di qualificazione del conducente (CQC), pari all'80 per cento della spesa, con un tetto massimo di 2,500 euro. Al programma ci si iscrive con SPID e il buono ottenuto va utilizzato entro sessanta giorni dal suo rilascio, presso una delle autoscuole accreditate (elencate nella piattaforma). Decorso il termine se ne potrà richiedere un altro, nei limiti delle risorse annuali disponibili. Sarà cura delle autoscuole attivare la piena fruizione del buono, che impegna il beneficiario ad ottenere la CQC entro 18 mesi dall'attivazione e il pagamento del 20 per cento del corrispettivo totale, ovvero l'eventuale eccedenza sui 2,500 euro massimi ottenibili.

-
credito immagine in alto