|
napoli 2
20 ottobre 2020, Aggiornato alle 21,16
intersped 2

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

unitraco2
Infrastrutture

Augusta e Catania rinforzano il piano regolatore portuale

Dopo La Spezia e Bari, anche l'Autorità di sistema portuale della Sicilia Orientale approva il Documento di Pianificazione Strategica di Sistema

Il porto di Catania, con l'Etna sullo sfondo

L'Autorità di sistema portuale della Sicilia Orientale ha approvato il Documento di Pianificazione Strategica di Sistema (DPSS), la cornice amministrativa e legislativa in cui convogliare il Piano Regolatore Portuale di Sistema, che a sua volta sblocca la modifica o la stesura del singolo piano regolatore portuale.

È la terza Adsp ad approvare questo importante documento, previsto dal 2017 e introdotto con la riforma della legge dei porti 84/94 del 2016. Le altre sono state a luglio l'Autorità di sistema portuale della Liguria Orientale (La Spezia) e la settimana scorsa quella dell'Adriatico Meridionale (Bari). A differenza di questi ultimi due, che l'hanno già ottenuto, per il DPSS dei porti di Augusta e Catania manca il via libera della Regione Sicilia, previa intesa col ministero dei Trasporti.

Quello siculo ha un'estensione temporale divisa in due fasi, una di dieci anni (2030) e una di trenta (2050). Per la prima l'Adsp orienta il suo core business sulla gestione del traffico nazionale; per il medio-lungo periodo, invece, l'ambito è internazionale. Ci sono infatti la Zona economica speciale e l'Area Logistica Integrata da sfruttare e gli enti e le infrastrutture avranno l'occasione di internazionalizzarsi, in previsione anche dell'inserimento dei porti di Siracusa, Pozzallo, Gela e Licata nell'Adsp della Sicilia Orientale, guidata da Andrea Annunziata.

Lo strumento del DPSS nasce nel 2017 a supporto delle autorità di sistema portuale italiane, nate nel 2016. Individuano e perimetrano le aree destinate alle funzioni portuali e retroportuali, stabilendo priorità e destinazioni d'uso (commercio, crociere, diporto, produzione industriale, cantieristica). Inoltre, decide quali sono i collegamenti ferroviari da migliorare o costruire, soprattutto quelli dell'ultimo miglio. Insieme al Piano regolatore portuale va a formare il Piano regolatore di sistema portuale. Non è un documento semplice da approvare, perché richiede il parere di diversi enti: Regione, Comuni, Comitato di gestione dell'Adsp, Conferenza delle Adsp.

Tag: catania