|
napoli 2
13 agosto 2020, Aggiornato alle 19,36
intersped 2

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

unitraco2

Assoporti al cluster internazionale: porti pienamente operativi

L'associazione scrive allo shipping europeo e internazionale. Soprattutto le merci, sottolinea Rossi, viaggiano con libera pratica sanitaria, senza intoppi

(STR/AFP via getty images)

I porti italiani sono pienamente operativi, stanno garantendo la sicurezza del carico e dei membri dell'equipaggio. Lo sottolinea il presidente di Assoporti, Daniele Rossi (presidente anche del sistema portuale che fa capo a Ravenna), in una lettera inviata alle principali associazioni europee e internazionali dello shipping che risponde anche alle difficoltà di lavoro evidenziate dai sindacati

L'associazione dei porti italiani sottolinea che le restrizioni riguardano principalmente i passeggeri, e soprattutto le crociere, considerando che chi deve prendere un traghetto per necessità lo può fare. «Tutte le restrizioni - continua la lettera - applicate dal governo italiano sono riferite solo al settore delle crociere. Nel pieno rispetto delle misure adottate dal governo italiano, avendo il primario obiettivo di protezione della salute pubblica a causa dell'attuale emergenza medica, l'associazione desidera chiarire che le operazioni nei porti sono effettuate con misure adeguate». 

«I porti sono quindi pienamente operativi con tutti i loro servizi regolari che garantiscono la completa funzionalità di tutti gli uffici dedicati al controllo e alla verifica, ad esempio autorità portuale, dogana, Capitaneria di porto, uffici del dipartimento di salute e così via. Le misure adottate dal governo non limitano in alcun modo il trasporto di merci nel paese. L'obbligo precauzionale della cosiddetta "libera pratica sanitaria" emessa dall'Ufficio sanitario marittimo locale rimane in vigore. Questo documento autorizza l'attracco delle navi e tutti i porti italiani sono attrezzati e pronti ad applicare qualsiasi nuova misura ritenuta necessaria dalla Protezione civile, senza compromettere le operazioni di carico».