|
adsp napoli 1
14 giugno 2024, Aggiornato alle 15,40
forges1

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

forges4
Logistica

Anche Hapag Lloyd interrompe i servizi sul Mar Rosso

La decisione lo stesso giorno della compagnia danese Maersk, dopo che nelle ultime settimane almeno otto mercantili sono stati colpiti da droni e missili

Lo stretto di Bab el-Mandeb (thetrumpet.com)

Venerdì scorso Hapag Lloyd ha annunciato la sospensione dei suoi servizi marittimi sul Mar Rosso, dopo una serie di attacchi rivendicati dal gruppo sciita Houti. Anche Maersk - lo stesso giorno - ha deciso di fare lo stesso, per tutelare, riferisce in un cominicato, l'incolumità dei marittimi a bordo delle sue portacontainer.

Per quanto riguarda Hapag, la decisione arriva dopo che la nave Al Jasrah è stata colpita nei giorni scorsi all'altezza dello stretto di Bab el-Mandeb, che congiunge Mar Rosso a nord e Golfo di Aden a sud, regione di transito per le navi che viaggiano tra Oceano Indiano e Canale di Suez. Non è chiaro ancora da cosa sia stata colpita la nave, probabilmente da un drone. A bordo è poi scoppiato un incendio, come riferisce Nils Haupt, portavoce di Hapag Lloyd, che è stato poi domato. «È molto preoccupante - ha detto - perché le navi dirette a Suez devono passare attraverso lo stretto. Stiamo fermando alcune navi ma non abbiamo una prassi consolidata per avvenimenti del genere».

Come riferisce il Wall Street Journal, sarebbero almeno otto i mercantili (per lo più portacontainer e di diverse compagnie marittime) attaccati nelle ultime settimane nello stretto di Bab el-Mandeb. «Alcune aziende hanno già deviato attorno al Capo di Buona Speranza per evitare l'aggressione degli Houthi, il che aggiunge costi e ritardi al commercio globale», ha affermato Hapag Lloyd in una nota. «Il Mar Rosso – conclude il comunicato - è una via d'acqua cruciale, che collega l'Europa e l'Asia. Attualmente, il 12 per cento del commercio globale passa attraverso il Mar Rosso».

-
credito immagine in alto