|
napoli 2
25 settembre 2020, Aggiornato alle 17,23
intersped 2

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

unitraco2
Politiche marittime

Al via Mare Sicuro 2016

La campagna estiva delle Capitanerie in una penisola con ottomila chilometri di costa. Venerdi la presentazione dell'attività in Campania


Si intensifica, nel periodo estivo, lo sforzo della Guardia costiera sulla sorveglianza e la prevenzione in mare. È la campagna annuale di "Mare Sicuro", operativa dal 1991, che è stata presentata oggi nella base navale delle Capitanerie a Fiumicino, dai ministri dei Trasporti, delle Politiche agricole e dell'Ambiente (venerdì ci sarà la presentazione, da parte dell'Amm. Arturo Faraone, della versione campana di Mare Sicuro, la regione col traffico marittimo più intenso). 

Fino al 18 settembre le Capitanerie di porto metteranno in campo circa tremila uomini e donne e 300 mezzi navali – risorse dispiegate capillarmente lungo tutti gli ottomila chilometri di costa del Paese, ma anche sul Lago di Garda e sul Lago Maggiore. 

La scorsa estate sono stati 78.430 i controlli effettuati in materia di diporto, 1.315 le unità da diporto soccorse. 4.510, invece, sono le persone tratte in salvo, in prevalenza diportisti. Sempre nel 2015, sono stati effettuati 64.348 ispezioni e controlli sul demanio che hanno portato a 690 denunce penali e a 239 sequestri. 

Dopo i saluti del comandante generale, ammiraglio Vincenzo Melone, i ministri hanno illustrato gli obiettivi perseguiti dalla tradizionale operazione estiva. «È la sintesi del lavoro e dello sforzo che il Corpo compie nell'ambito di funzioni e compiti legati agli usi civili e produttivi del mare, svolgendo trasversalmente tutto quanto necessario a tutelarlo», commenta il ministro dei Trasporti Graziano Delrio. «L'esodo estivo – continua – porta milioni di italiani e turisti stranieri sulle nostre coste. Se si confermano i dati dello scorso anno, ci saranno 37 milioni di passeggeri in giro per il mare». «Oggi - aggiunge il ministro dell'Ambiente Gianluca Galletti - abbiamo gli strumenti giusti per fermare e colpire con la massima durezza chi pensa che una vacanza estiva possa essere una vacanza dal rispetto dell'ambiente: ci sono gli ecoreati per punire con efficacia chi fa scempio dell'ambiente, le norme del Collegato ambientale contro l'inciviltà quotidiana e l'impegno continuo del nostro Corpo delle Capitanerie di Porto-Guardia Costiera anche in settori critici come quelli degli scarichi a mare e della depurazione». «L'intensificazione dei controlli su tutta la filiera ittica, spesso soggetta a frodi e contraffazioni, è una delle caratteristiche più importanti dell'operazione "mare sicuro"», ha commentato il ministro alle Politiche agricole e forestali Maurizio Martina. «Obiettivo di questo governo – continua - è la gestione sostenibile della risorsa ittica, la lotta alle pratiche illegali di pesca e il controllo su tutta la filiera fino alla commercializzazione del pescato a tutela dei consumatori. Nei prossimi mesi – ha concluso sempre il ministro – lavoreremo inoltre per tutelare il reddito dei pescatori, continuando nel percorso che abbiamo intrapreso in questi due anni per rilanciare tutta la filiera ittica nazionale puntando in particolare su sostenibilità e innovazione».