|
napoli 2
28 maggio 2020, Aggiornato alle 15,02
intersped 2

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

speciale1
Armatori

Al via l'assemblaggio di Costa Toscana

Seconda nave da crociera a gas dopo Costa Smeralda. Si posizionerà nel Mediterraneo orientale dall'estate del 2021

Un momento della cerimonia di posa

È iniziato oggi, nel cantiere Meyer di Turku, in Finlandia, l'assemblaggio dello scafo di Costa Toscana, la seconda nave di Costa Crociere alimentata a gas naturale liquefatto.

Gemella di Costa Smeralda, entrata in servizio il 21 dicembre. Grazie all'utilizzo del gas naturale liquefatto, un'innovazione in cui la compagnia genovese (gruppo Carnival) ci ha subito creduto investendo per prima. Il gas naturale liquefatto elimina quasi totalmente le emissioni di ossidi di zolfo e particolato, entrambi intorno al 95 per cento rispetto al bunker tradizionale. Si riducono significativamente anche le emissioni di ossido di azoto (-85%) e di anidride carbonica (-20%).

Costa Toscana e Costa Smeralda fanno parte di un piano di espansione che prevede sette nuove navi in consegna entro il 2023, per un investimento complessivo di oltre sei miliardi di euro. Di queste, cinque navi sono alimentate a gas.

La prima crociera di Costa Toscana partirà da Amburgo il 28 giugno 2021: 14 giorni verso Lisbona, Barcellona, Marsiglia e Savona. Nel corso dell'estate 2021 terrà crociere di una settimana nel Mediterraneo occidentale: Savona, Napoli, Cagliari, Palma di Maiorca, Barcellona e Marsiglia. Dalla metà di novembre 2021, fino a Pasqua 2022, sarà la volta di Savona, Marsiglia, Barcellona, Palma di Maiorca, Palermo e Civitavecchia/Roma.

L'inizio dell'assemblaggio dello scafo di Costa Toscana è stato celebrato con una cerimonia, a cui ha preso parte il top management di Costa Crociere e del cantiere Meyer Turku. Il sindaco di Turku, Minna Arve, è stata scelta come madrina dell'evento. Seguendo la tradizione marittima, nel corso della cerimonia alcune monete commemorative sono state posizionate sulla chiglia della nave, come simbolo beneaugurante per i membri dell'equipaggio, i passeggeri e i viaggi futuri. Nel corso delle prossime settimane la nave comincerà a prendere forma nel bacino del cantiere, dove attualmente è stata posizionata una sezione dello scafo lunga circa cento metri, la floating engine room unit, quella che contiene i motori della nave.

«Questo momento simbolico per la costruzione di Costa Toscana rappresenta un altro passo in avanti nell'utilizzo dell'LNG nel settore delle crociere. Siamo stati i primi al mondo a credere in questa innovazione ben cinque anni fa, quando abbiamo ordinato queste nuove navi, tracciando la rotta di un percorso di trasformazione verso un turismo sempre più sostenibile», commenta Neil Palomba, direttore generale di Costa Crociere, secondo il quale «l'LNG rappresenta la soluzione che al momento consente di raggiungere i risultati migliori e più immediati in termini di riduzione dell'impatto ambientale delle navi».

«Nel nostro cantiere facciamo esperienza dei precedenti progetti su cui abbiamo lavorato, ma Costa Toscana avrà un design nuovo in moltissime aree, per offrire agli ospiti esperienze uniche. Oggi è il giorno in cui tutto questo inizia a diventare realtà sotto forma di una bellissima nave», ha aggiunto Jan Meyer, CEO di Meyer Turku.

Costa Crociere precisa che circa il 70 per cento delle navi del gruppo in servizio sono dotate di sistemi per la depurazione dei gas di scarico, gli advanced air quality systems, che garantiscono la quasi totale eliminazione degli ossidi di zolfo, una riduzione del 75 per cento del particolato e una sostanziale riduzione degli ossidi di azoto. Il gruppo Costa sperimenta inoltre il cold ironing, l'alimentazione delle navi attraccate in porto con l'elettricità di terra. Infine, sperimenta l'utilizzo di batterie agli ioni di litio e di pile a combustibile su alcune delle sue navi, sempre al fine di non utilizzare i motori ausiliari ed emettere gas serra.