|
adsp napoli 1
17 maggio 2022, Aggiornato alle 08,51
intersped 2

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

unitraco2
Logistica

Accordo governo-autotrasporto, 80 milioni per il settore

Saranno inseriti nel prossimo decreto "Energia". Serviranno a finanziare crediti d'imposta sull'acquisto di AdBlue e gnl, e a coprire parte dei costi di pedaggio

La viceministra alle Infrastrutture, Teresa Bellanova, durante un tavolo con le associazioni di categoria dell'autotrasporto (facebook.com/teresabellanovaufficiale)

Dopo settimane di tensioni per l'autotrasporto, con proteste contro i rincari dei costi un po' in tutta Italia, il governo e le associazioni di categoria hanno raggiunto un accordo per aiutare il settore con misure per 80 milioni di euro che serviranno, oltre a coprire le spese di pedaggio dei mezzi pesanti, a finanziare crediti d'imposta sui rifornimenti di carburante e di uno dei suoi additivi più importanti, l'AdBlu. È quanto è stato deciso stasera dopo un incontro tra le associazioni di categoria e la viceministra delle Infrastrutture, Teresa Bellanova. Le risorse saranno inserite nel decreto "Energia", in fase di pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale. Inoltre, domani si apre un tavolo tra le confederazioni della committenza e il governo che nelle prossime due settimane lavorerà a una nuova regolamentazione del settore dell'autotrasporto, magari da inserire nei prossimi decreti governativi.

Come ha spiegato Bellanova in un post su facebook, degli ottanta milioni, il grosso, 29 milioni, serviranno a finanziare crediti d'imposta del 15 per cento al netto dell'Iva per l'acquisto dell'AdBlu, il diesel exaust fluid, un additivo per il carburante indispensabile per far funzionare i mezzi pesanti a diesel. Altri 25 milioni finanzieranno crediti d'imposta pari al 20 per cento, sempre al netto dell'Iva, per sostenere l'acquisto di carburante a gas naturale liquefatto. 20 saranno saranno destinati a coprire parte dei costi pedaggo, e infine 5 milioni andranno a implementare la deduzione forfettaria per le spese non documentate.

«Diamo atto alla viceministra Bellanova, che ringraziamo, per aver fatto ogni possibile sforzo per dare risposte concrete e immediate alla categori sia per quanto riguarda le importanti risorse aggiuntive per il settore, sia per l'avvio tempestivo del tavolo delle regole», commenta Thomas Baumgartner, presidente di Anita.

-
credito immagine in alto