|
adsp napoli 1
04 ottobre 2022, Aggiornato alle 21,13
forges1

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

unitraco2
Infrastrutture

A Rotterdam le navi offshore si alimentano a terra

La connessione elettrica in banchina potrebbe servire 15.000 abitazioni


La società armatoriale Heerema e l'Autorità del porto di Rotterdam annunciano che le più grandi navi gru di Heerema Marine Contractors, Sleipnir e Thialf, sono ufficialmente passate dall'uso dei loro motori all'uso dell'alimentazione da terra. Il sistema consente alle navi di spegnere i motori e collegarsi alla rete elettrica per l'approvvigionamento energetico. Il collegamento fornirà a Sleipnir e Thialf energia sostenibi le che proverrà da turbine eoliche situate sul vicino promontorio o da un'altra fonte rinnovabile, se necessario.

La connessione elettrica a terra ha una capacità di 20 MW, che è l'equivalente energetico di circa 15.000 abitazioni. Poiché le navi spengono i motori quando sono collegate all'alimentazione a terra, praticamente tutte le emissioni e il particolato vengono impedite perché nel caso di Sleipnir non verrà più utilizzato gasolio marino o Gnl. Questa azione ha benefici diretti per i residenti locali con miglioramenti della qualità dell'aria e una riduzione della Co2. Inoltre, senza i motori in funzione si ha una significativa riduzione del rumore.

Quando le navi di Heerema spengono i motori durante l'ormeggio nel porto di Rotterdam per un normale periodo di riparazione e manutenzione, si ottiene un risparmio di 15.000 tonnellate di Co2, 20 tonnellate di particolato, 5 tonnellate di zolfo e una quantità significativa di azoto – paragonabile alle emissioni annue di 5.000 auto diesel.