|
napoli 2
11 ottobre 2019, Aggiornato alle 13,49
intersped 2

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

Click&Boat 2
Politiche marittime

Zolfo, Imo fa il punto su applicazione nuovi limiti

Nel corso dell'Asia Pacific Petroleum Conference illustrati i dettagli dell'entrata in vigore prevista nel 2020


Nel corso dell'Asia Pacific Petroleum Conference, l'Imo (International Maritime Organization) ha fatto il punto sul'applicazione del  nuovo limite dello 0,50% di zolfo nell'olio combustibile delle navi, in vigore dal 1° gennaio 2020 in base al trattato Marpol.

Il nuovo limite, rende noto l'ente marittimo dell'Onu, sarà applicabile a livello globale - mentre nelle aree designate di controllo delle emissioni (ECAS) il limite rimarrà ancora più basso, allo 0,10%. La data di attuazione del 1° gennaio 2020 è stata confermata dall'Imo nell'ottobre 2016, dando certezza alle raffinerie, ai bunkeraggi e ai settori marittimo. L'Imo ha lavorato con gli Stati membri e l'industria per sostenere l'attuazione del nuovo limite. Si prevede che l'imminente Comitato per la protezione dell'ambiente marino dell'IMO (MEPC 73) (22-26 ottobre) approverà orientamenti in materia di pianificazione dell'implementazione delle navi e guide sulle migliori pratiche per gli Stati membri/Stati costieri e per i fornitori di olio combustibile.
 
Si prevede inoltre che l'MEPC adotti un emendamento Marpol complementare volto a sostenere l'attuazione del limite dello 0,50% del 1o gennaio 2020. Questa modifica proibirà il trasporto di olio combustibile non conforme, a meno che la nave non abbia un sistema di depurazione dei gas di scarico ("scrubber") montato. Si prevede che la maggior parte delle navi utilizzi nuove miscele di olio combustibile che verranno prodotte per soddisfare il limite dello 0,50% sullo zolfo nell'olio combustibile. Attualmente, il limite massimo di zolfo nell'olio combustibile è del 3,50% a livello mondiale (e dello 0,10% nei quattro ECAS: l'area del Mar Baltico, l'area del Mare del Nord, l'area del Nord America (che copre aree costiere designate al largo degli Stati Uniti e del Canada); l'area del Mar dei Caraibi degli Stati Uniti (attorno a Porto Rico e alle Isole Vergini degli Stati Uniti).
 
La regolazione dello zolfo consente inoltre alle navi di soddisfare il requisito con mezzi alternativi, come i lavasciuga, che consentono alla nave di continuare a usare olio combustibile ad alto tenore di zolfo quando la scrubber "pulisce" l'emissione sulla nave.
 

Tag: armatori - zolfo