|
napoli 2
17 ottobre 2021, Aggiornato alle 18,14
intersped 2

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

unitraco2
Logistica

Week end senza mezzi pesanti, l'autotrasporto: "Serve un altro approccio sui divieti"

Dopo oltre un anno di decreti di sospensione, il primo maggio sono tornati i divieti alla circolazione nel fine settimana. 14 associazioni di categoria chiedono al governo un incontro

Un'immagine dal videogioco "Snowrunner" (Memoli156/Flickr)

Con l'allentamento delle misure restrittive alla mobilità delle persone è ripreso il traffico di auto, influendo sensibilmente sul flusso veicolare commerciale durante i fine settimana. Da più di un anno il divieto alla circolazione dei mezzi pesanti nel fine settimana in Italia è sospeso per facilitare gli spostamenti delle merci. 

Dal primo maggio è stato ripristinato, e «potrebbe essere un segnale che prelude al mantenimento dei divieti di circolazione, con la riproposizione degli stessi problemi irrisolti degli ultimi anni sull'esistenza stessa di un calendario di divieti». Lo sottolineano in un documento congiunto inviato al ministero delle Infrastrutture praticamente tutte le associazioni di categoria dell'autotrasporto, in totale 14, da Anita a Unitai (alla fine dell'articolo, l'elenco completo).

In vista di questa possibilità, le rappresentanze chiedono un tavolo al ministero delle Infrastrutture per arrivare a «un diverso approccio delle misure limitative della circolazione dei mezzi pesanti in Italia».

La sospensione del calendario dei divieti è stata resa necessaria per garantire soprattutto l'approvvigionamento dei supermercati, degli ospedali e delle fabbriche. «Visto che a causa della pandemia tuttora perdura una limitata circolazione delle vetture private soprattutto nei fine settimana, chiediamo che nel frattempo vengano ancora soppressi i divieti di circolazione fino a fine maggio», scrive il cluster dell'autotrasporto.

«Siamo certi – concludono - che l'attenzione verso la categoria non venga meno con il miglioramento dell'andamento della pandemia e che si possa pertanto discutere serenamente del tema».

I firmatari del documento: Anita, AITI, Assotir, Cna-Fita, Confartigianato Trasporti, Confcooperative Lavoro e Servizi, Conftrasporto, Fai, Fedit, Fiap, Legacoop Produzione e Servizi, Sna Casartigiani, Trasportounito, Unitai.

-
credito immagine in alto