|
Porto di Napoli
17 gennaio 2019, Aggiornato alle 14,03
intersped

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

Infrastrutture - Logistica

Via libera al Nuovo Pignone del porto di Piombino

Il comitato interregionale approva il progetto per un'area da 200 mila metri quadri dedicata alla logistica industriale


C'è il parere favorevole del comitato tecnico-amministrativo per la realizzazione dell'insediamento di BHGE – Nuovo Pignone nel porto di Piombino, la nuova area dedicata alla logistica industriale nel porto di Piombino. Il via libera dell'organo del Provveditorato Interregionale alle Opere Pubbliche Toscana-Marche-Umbria, con funzioni consultive per le opere sotto i 50 milioni di euro, è uno step importante, che consente all'Autorità di sistema portuale (Adsp) del Tirreno centrale di procedere con il progetto esecutivo e il successivo bando di gara.

Gli interventi si estendono su 200 mila metri quadri e consistono nella completa infrastrutturazione dell'area e nell'ultimazione della viabilità di accesso alla darsena Nord. Tra le opere previste:

• completamento della viabilità di accesso alla Darsena Nord in prosecuzione della nuova strada di ingresso al porto (Stralcio SS 398 dello svincolo Gagno-Terre Rosse);
• posa delle reti di distribuzione e dei servizi interni;
• allestimento della rete anti-incendio, realizzazione delle strutture di fondazione dei manufatti principali e sistemazione a verde della striscia di terreno che costeggia l'area di intervento

Il progetto è diviso in due fasi. In una prima, estesa su tre quarti della superfice, verranno realizzate le opere, i servizi e gli impianti che interessano la porzione occidentale dell'area di recupero a mare, oltre al primo setto della vasca impermeabile. La seconda interesseranno gli ultimi 50 mila metri quadri. Tempo totale, un anno e mezzo. Costo vivo delle opere, 40 milioni di euro.

«Con questi interventi sarà possibile dare sostanza all'insediamento di BHGE – Nuovo Pignone nel porto di Piombino. Procedere speditamente, è questa la priorità», commenta il presidente dell'Adsp, Stefano Corsini.