|
napoli 2
25 settembre 2020, Aggiornato alle 17,23
intersped 2

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

unitraco2
Infrastrutture

Venezia, interrotto servizio container per Far East. L'Authority: "Un disastro"

In attesa dell'offshore, spiega l'ente portuale, questo costerà alle industrie del Nord Est almeno dieci milioni di euro all'anno


"L'abbandono – si spera temporaneo - dello scalo di Venezia da parte della linea diretta con il Far East è un ‘disastro' tanto annunciato da tempo, quanto evitabile restituendo al porto con il VOOPS (Venice Offshore Onshore Port System) l'accessibilità nautica oggi sacrificata al MoSE". L'annuncio (e l'allarme) per l'interruzione del servizio Phoenician Express gestito dalla "Ocean 3" (Cosco, Cma Cgm ed Evergreen) arriva dall'Autorità portuale di Venezia, la quale in un comunicato spiega che l'attesa costerà alle industrie del Nord Est almeno dieci milioni di euro all'anno.

"Purtroppo – scrive l'Authority – in attesa del VOOPS la nave che da 6500 teu (container) passa a 10mila teu non giungerà più a Marghera perché non ha più modo di entrare e uscire a pieno carico dalla banchine lagunari. Non per mancanza di mercato, anzi, ma per i limiti fisici che lo scalo ha, nonostante l'ingente lavoro di escavo e modernizzazione delle banchine realizzati in questi anni da Autorità Portuale e dagli operatori che hanno fatto di Venezia il secondo più efficiente scalo dopo Genova per la movimentazione container (dati Conftrasporto presentato al Forum di Cernobbio la scorsa settimana)".

"Una notizia – prosegue l'ente portuale – purtroppo attesa che nuoce all'economia portuale, ma molto di più alla manifattura e alle altre attività produttive dell'intero nordest e della Lombardia orientale. La nave infatti scalerà solo Capodistria per servire dal Nord Adriatico orientale i mercati austriaci e dell'est Europa. I mercati oggi serviti da Venezia (Pianura Padana, Svizzera, e sud della Germania) verranno parzialmente raggiunti con un feeder da Capodistria, ma sono destinati a tornare ad essere serviti dagli scali dell'Alto Tirreno (se non da quelli del mar del Nord via Gottardo)".

Una scelta che l'Autorità portuale veneziana assieme a Confetra ha stimato costerà alle sole imprese del nordest non meno di 10 milioni di euro all'anno di maggiori costi di trasporto. "Maggiori costi e minor competitività – ribadisce l'Ap – che l'intero nordest dovrà sopportare per ogni anno di ritardo nella realizzazione del sistema portuale offshore-onshore capace di restituire a Venezia, ma anche a Chioggia, Portolevante e Mantova, quella capacità di attrazione dei traffici fondamentale per la crescita dell'economia delle industrie che su essa si basano. Una miopia delle autorità ‘competenti' – conclude il comunicato dell'Authority portuale – che sta costando molto cara all'economia veneta e del Nord Est; una profezia da tempo annunciata, che non avremmo mai voluto vedere realizzarsi e alla quale speriamo si voglia dare presto risposta con la realizzazione del VOOPS".