|
napoli 2
17 settembre 2021, Aggiornato alle 21,12
intersped 2

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

unitraco2

Vaccini, Ics: "La mancanza di accesso per i marittimi sta diventando un campo minato legale"

I ritardi nei porti causati da equipaggi non immunizzati, avverte l'associazione, aprirebbero responsabilità giudiziarie e aumenterebbero i costi per armatori e noleggiatori


La mancanza di accesso alle vaccinazioni per i marittimi sta mettendo lo shipping in un "campo minato legale", ponendo le catene di approvvigionamento globali in una situazione vulnerabile. Lo afferma l'International Chamber of Shipping (Ics), il quale anticipa i contenuti di un documento legale che diffonderà nell'ambito della comunità marittima globale entro questa settimana per evidenziare la preoccupazione in merito al fatto che le vaccinazioni potrebbero presto diventare un requisito obbligatorio per il lavoro in mare, sulla base di alcuni rapporti secondo i quali alcuni stati insistono affinché tutto l'equipaggio sia vaccinato come condizione preliminare per entrare nei loro porti.

Tuttavia, secondo le stime, riferisce Confitarma, i paesi in via di sviluppo non raggiungeranno l'immunizzazione di massa fino al 2024, dato che il 90% delle persone in 67 paesi a basso reddito hanno poche possibilità di vaccinazione nel 2021. Ics calcola che 900.000 marittimi del mondo (ben oltre la metà della forza lavoro globale) provengono da paesi in via di sviluppo. Ciò sta creando una "tempesta perfetta" per gli armatori, che potrebbero essere costretti a cancellare i viaggi se i membri del loro equipaggio non vengono vaccinati. Rischiano danni legali, finanziari e reputazionali navigando con equipaggi non vaccinati, a cui potrebbe essere negato l'ingresso nei porti.

I ritardi nei porti causati da equipaggi non vaccinati aprirebbero responsabilità legali e costi per gli armatori, che non sarebbero recuperabili dai noleggiatori. Inoltre, mentre gli armatori sarebbero in grado di soddisfare la necessità di vaccini per la gente di mare nei nuovi contratti, gli armatori che tentano di modificare i contratti esistenti o chiedono all'equipaggio di ricevere un vaccino specifico richiesto da un porto potrebbero esporsi a responsabilità legali. L'incertezza arriva in un momento cruciale dell'attuale ruolo del trasporto marittimo nella catena di approvvigionamento globale durante la pandemia.

Si prevede che nella seconda metà del 2021 il trasporto marittimo supererà quello aereo nella corsa alla fornitura di vaccini in tutto il mondo, distribuzione che, secondo le previsioni, impiegherà quattro anni. Lo shipping è anche un metodo di trasporto fondamentale per i dispositivi di protezione individuale (DPI), il cui volume totale stimato sarà 6-7 volte quello dei sistemi di vaccinazione e refrigerazione.
 
I marittimi sono tra i lavoratori più internazionalizzati al mondo, attraversano più volte i confini internazionali durante un periodo contrattuale, con equipaggi che contano fino a 30 nazionalità diverse a bordo in qualsiasi momento. Il documento legale di Ics osserva che è probabile che una vaccinazione contro il Covid-19: "Sarà richiesta dalla maggior parte degli stati, se non da tutti, e quindi [essa] sarebbe ragionevolmente considerata una vaccinazione" necessaria".

Il segretario generale dell'Ics Guy Platten ha dichiarato: "Le compagnie di navigazione sono in una posizione impossibile. Sono bloccate tra l'incudine e il martello, con poco o nessun accesso ai vaccini per la loro forza lavoro, in particolare per quella proveniente dai paesi in via di sviluppo. Stiamo già vedendo rapporti di stati che richiedono la prova della vaccinazione Covid-19 per i marittimi. Se i nostri lavoratori non possono attraversare i confini internazionali, ciò causerà senza dubbio ritardi e interruzioni nella catena di fornitura. Per un settore che dovrebbe contribuire a guidare lo sforzo di vaccinazione globale, questo è del tutto inaccettabile. Questo è un problema chiave per il trasporto marittimo, ma potrebbe anche avere un impatto significativo in molti settori con la ripresa del business internazionale".

Bud Darr, vicepresidente esecutivo, Politica marittima e affari governativi presso MSC group, ha agiunto: "Anche se non l'abbiamo ancora visto, siamo decisamente preoccupati che la mancanza di vaccinazioni diventerà un ostacolo alla libera circolazione dei marittimi quest'anno. "I marittimi ci hanno già dato così tanto. Navigazione in quarantena, sospensione delle rotte dei voli e restrizioni sanitarie che li hanno tenuti lontani dalla famiglia e dagli amici. Tutto per mantenere il mondo rifornito di beni essenziali. "L'industria marittima deve trovare soluzioni creative al problema. A breve termine, ciò significa ottenere vaccinazioni per i marittimi nei paesi in cui esistono programmi consolidati e scorte sufficienti di vaccini. A lungo termine si tratta di esplorare l'idea di partnership pubblico-privato. Potrebbe anche esserci l'opportunità, quando l'ondata iniziale di necessità per l'assegnazione nazionale sarà soddisfatta, per i produttori di fornire vaccinazioni direttamente agli armatori da somministrare a questi lavoratori chiave".

L'Ics sta attualmente esplorando tutte le strade per trovare una soluzione. Ciò include l'implementazione di hub per le vaccinazioni nei principali porti internazionali, come suggerito dal governo cipriota. Se non verrà trovata una soluzione per fornire l'accesso diretto ai vaccini ai marittimi, gli armatori temono un ritorno alla crisi del cambio di equipaggio del 2020 che ha visto 400.000 marittimi bloccati a bordo di navi in tutto il mondo a causa delle restrizioni di viaggio e dei blocchi internazionali.

Platten ha concluso: "Molti pensano che siamo in uno sprint di vaccinazione. La realtà è che siamo all'inizio di un'ultra-maratona e la gente di mare sarà la chiave per arrivare al traguardo. Dobbiamo tenerli al sicuro e che i governi facciano la loro parte assicurando che i vaccini per i marittimi siano stati approvati dall'OMS per l'uso di emergenza. Attualmente ci sono più di 50 vaccini ciascuno in diverse fasi di test e approvazione e solo alcuni di questi sono stati riconosciuti dall'OMS come idonei per l'uso di emergenza. Eppure alcuni stati stanno imponendo vaccini per i marittimi che non sono nell'elenco dei vaccini per uso di emergenza dell'OMS. Se vogliamo mantenere una forza lavoro internazionalizzata, questo deve cambiare immediatamente".