|
Porto di Napoli
19 dicembre 2018, Aggiornato alle 12,49
intersped

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

Cultura

Una città sommersa "catturata" dall'occhio di Google Earth

Si tratta dell'antico centro romano di Sinuessa, sul litorale casertano, distrutto da un cataclisma naturale


Una città sommersa ri-scoperta grazie a Google Earth. Con un'attenta osservazione delle più recenti foto satellitari ottenute dal telerilevamento terrestre, si possono infatti scorgere sul litorale casertano (località Sant'Eufemia, comune di Cellole) diverse strutture artificiali sotto il pelo dell'acqua. Si tratta di una porzione della città romana di Sinuessa, inabissata nel IX secolo dopo Cristo.

"Come quella di Baia – spiega Antonio Cangiano su Il Mattino – Sinuessa fu in parte fagocitata dal mare a seguito di un cataclisma naturale, ma a differenza della cittadina flegrea, sulle rovine di quest'ultima, poco è stato rilevato nell'ambito della fotogrammetria, operazione resa ardua dalla presenza di fanghi e sabbia, che rendono l'acqua, in quel tratto di mare, particolarmente torbida".