|
adsp napoli 1
10 agosto 2022, Aggiornato alle 19,39
forges1

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

unitraco2

Ucraina, partite altre tre navi cariche di cereali

"Polarnet", "Navistar" e "Rojen", dirette in Turchia, Irlanda e Regno Unito, per un totale di 58 mila tonnellate di mais. Un segnale rassicurante verso la creazione di un corridoio umanitario stabile

(imo-newsroom.prgloo.com)

Dopo il via libera degli ispettori di Istanbul a Razoni, la prima nave carica di cereali partita dall'Ucraina dopo cinque mesi di guerra, il Joint Coordination Center (JCC) ha autorizzato la partenza di altre tre navi, che stamattina hanno lasciato i porti sul Mar Nero di Odessa e Chornomorsk. Il JCC è il centro di coordinamento nato tra il 22 e il 27 luglio nell'ambito della Black Sea Grain Initiative, l'accordo sull'esportazione delle granaglie ucraine firmato tra Russia, Ucraina e Nazioni unite con la mediazione della Turchia.

In totale si tratta di 58,041 tonnellate di mais. Le navi autorizzate sono:
Polarnet, ancorata nel porto di Chornomorsk, con un carico di 12 mila tonnellate, destinato a Karasu, in Turchia;
Navistar, ancorata nel porto di Odessa, con un carico di 33 mila tonnellate, con destinazione Ringaskiddy, in Irlanda;
Rojen, ancorata nel porto di Chornomorsk, con un carico di 13,041 tonnellate, destinato a Teesport, nel Regno Unito.

La partenza di queste altre tre navi rappresenta, come spiega l'International Maritime Organization, una terza "prova di concetto" per la creazione di uno stabile e sicuro corridoio di rifornimento di cibo per i mercati globali (l'Ucraina è uno dei principali granai d'Europa).

Nel frattempo è stato autorizzato il movimento, in attesa di ispezione, di un altro mercantile carico di cereali, la Fulmar S, che si trova in rada a nord-ovest di Istanbul.

I cereali bloccati in Ucraina dovrebbero essere tra le 20 e le 25 milioni di tonnellate. Per esportali tutti ci vorrebbero circa 400 partenze, considerando per ogni viaggio un carico tra le 40 mila e le 70 mila tonnellate. James Waterhouse, corrispondente della BBC in Ucraina, ha riferito che secondo la Turchia entro i prossimi due giorni dovrebbero partire una quindicina di navi. Dall'altro lato, il ministro delle Infrastrutture ucraino, Oleksander Kubrakov, ha detto che non si aspetta più di cinque partenze nelle prossime due settimane. Per capire la differenza di contesto, ad agosto 2021 le navi cariche di grano partite dall'Ucraina sono state 194.

-
credito immagine in alto