|
adsp napoli 1
29 febbraio 2024, Aggiornato alle 17,38
forges1

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

unitraco2
Infrastrutture

Traffico passeggeri e automotive: Civitavecchia in salute nei primi nove mesi

Le merci solide segnano invece il passo negli scali di Roma e Lazio


Sono stati in continua crescita i passeggeri nel porto di Civitavecchia nel corso dei primi nove mesi del 2023. Aumentati sia quelli relativi al traffico traghetti e ro/pax che quelli legati alle crociere. Se per i primi l'incremento rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente è pari a circa l'11 per cento, diverso il discorso per il settore crocieristico che ha registrato l'aumento di quasi un milione di crocieristi transitati nel porto di Roma nei primi nove mesi dell'anno, pari a 2,57 milioni di crocieristi, il numero più alto mai raggiunto dal primo scalo crocieristico italiano. 

Numero che si è ulteriormente e vertiginosamente incrementato nel mese successivo andando oltre le migliori previsioni di inizio anno. Il Porto di Roma alla data del 31 ottobre 2023 ha, infatti, sfondato il muro dei 3 milioni di crocieristi, record assoluto in un porto italiano, che lo conferma ancora una volta il primo porto crocieristico a livello nazionale e nella top ten mondiale.

In continua espansione anche il traffico legato all'automotive che ha visto una significativa ripresa proprio a partire dall'inizio dell'anno in corso, con i piazzali del principale scalo laziale che hanno iniziato a riempirsi dopo la crisi pandemica. Nei tre trimestri del 2023 l'incremento percentuale rispetto al 2022 ha, infatti, superato il 73% per un totale di oltre 132 mila auto in polizza movimentate. Per quanto riguarda le merci nel network degli scali laziali, in aumento quelle liquide, in calo invece le merci solide, che risentono – e continueranno a risentire – della graduale diminuzione del carbone in vista del phase out previsto entro il 2025.