|
Porto di Napoli
16 novembre 2018, Aggiornato alle 11,30
intersped

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

Politiche marittime

Terminal portuali senza Imu, ok della Camera

Approvato emendamento, che ora dovrà essere inserito nella legge di bilancio. La categoria risparmierà 33 milioni di euro


Le banchine e le aree scoperte dei porti sono immobili destinati a usi «particolari», anche se concessi ai privati. La Commissione Bilancio della Camera ha approvato, nell'ultima seduta dell'anno, un emendamento che esenta i terminal dal pagamento dell'Imu. Ora l'emendamento dovrà essere inserito nella legge di bilancio, in discussione in Parlamento.

Da gennaio 2019 i proprietari dei terminal e dei piazzali potranno chiedere il declassamento dei loro immobili, che passano alla categoria E/1. Un risparmio per gli operatori calcolato in 33 milioni di euro. Restano escluse le strutture destinate a usi da diporto, turismo e crociere, ovvero non funzionali alle operazioni portuali merciologiche, anche se vi rientrano «le aree scoperte dei medesimi porti adibite al servizio passeggeri, compresi i crocieristi»: quindi non le stazioni marittime ma i piazzali antistanti sì.

«Le banchine – si legge nell'emendamento - e le aree scoperte dei porti di rilevanza economica nazionale e internazionale rientranti nelle autorità di sistema portuale di cui all'Allegato A della legge 2 gennaio 1994, n. 84, adibite alle operazioni e ai servizi portuali afferenti merci e passeggeri di cui al comma 1 dell'articolo 16 della medesima legge, le connesse infrastrutture stradali e ferroviarie, nonché i depositi ivi ubicati strettamente funzionali alle suddette operazioni e servizi portuali, costituiscono immobili a destinazione particolare, da censire in catasto nella categoria E/1, anche se affidati in concessione a privati. Sono parimenti censite nella categoria E/1 le banchine e le aree scoperte dei medesimi porti adibite al servizio passeggeri, compresi i crocieristi».