|
napoli 2
06 aprile 2020, Aggiornato alle 12,32
intersped 2

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

speciale1
Logistica

Spedizioni, tutte le novità di Incoterms 2020

La Camera di commercio internazionale (ICC) propone la riorganizzazione già in vigore dal primo gennaio


Sono diverse le novità proposte dalla Camera di commercio internazionale (ICC) in merito al diritto nelle transazioni commerciali per la consegna di merci tra partner globali. Incoterms 2020 fornisce appunto le ultime notizie circa le trasformazioni nel settore entrate in vigore il primo gennaio 2020.

Il primo cambiamento sostanziale apportato dagli Incoterms 2020 riguarda la differenziata della portata assicurativa tra CIP e CIF. Nella versione 2010 secondo l'Art. A3 di CIF / CIP il compratore obbligava il venditore ad ottenere a proprie spese un'assicurazione con una copertura minima delle Clausole "C" dell'Institute Cargo Clausole. La nuova versione lascia invariato tale copertura nel caso di resa CIF, mentre indica di default una copertura "A" per la resa CIP.

Altro cambiamento importante, l'acronimo da DAT a DPU. Negli Incoterms® 2010, l'unica differenza fra il termine DAT e il termine DAP era che nel DAT il venditore consegnava la merce "once unloaded from the arriving means of transport into a ‘terminal'". Nel termine DAP, invece, il venditore consegna la merce "when the goods were placed at the disposal of the buyer on the arriving means of transport for unloading". Negli Incoterms® 2020 sono state apportate due modifiche. È stato invertito l'ordine in cui i termini vengono presentati (nell'edizione degli Incoterms® 2020 il DAP viene riportato prima del DPU, mentre negli Incoterms® 2010 il DAT veniva riportato prima del DAP). Inoltre, è stato modificato il nome del termine da DAT (Delivered at Terminal) a DPU (Delivered at Place Unloaded). Con tale modifica si intende sottolineare che il luogo di destinazione può essere qualsiasi posto e non necessariamente un terminal. Ovviamente, se il luogo di destino non è un terminal, il venditore deve assicurarsi che vi sia la possibilità tecnica di scaricare la merce.