|
napoli 2
17 settembre 2021, Aggiornato alle 21,12
intersped 2

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

unitraco2

Shipping e ambiente, il cambio di passo è nel mercato unico

Secondo il presidente di BIMCO, Sadan Kaptanoglu, la transizione energetica avverà solo quando i carburanti alternativi costeranno quanto quelli tradizionali

(David Wallace/Flickr)

«Il modo in cui possiamo rendere le attuali tecnologie a basse emissioni competitive con i combustibili tradizionali è attraverso una qualche forma di misura basata sul mercato. Abbiamo bisogno di un meccanismo che eguagli il costo tra l'utilizzo di combustibili a basse emissioni di carbonio e combustibili fossili tradizionali». Lo ha affermato il presidente di BIMCO, Sadan Kaptanoglu.

L'associazione internazionale, che raccoglie la maggior parte delle compagnie armatoriali del mondo, sottolinea l'importanza di un processo di decarbonizzazione delle navi mercantili che rispecchi la sua natura, mondiale. È una riflessione che arriva all'indomani di una riunione tra BIMCO e l'International Maritime Organizazione (IMO), tenutasi a fine gennaio.

Le misure di mercato, afferma BIMCO, devono essere disciplinate da regole globali, altrimenti l'industria dello shipping si ritrova, come sta succedendo adesso, a pagare più volte per le sue emissioni di carbonio, a seconda dello Stato o della comunità di Stati di riferimento. Per esempio, è sufficiente una disarmonia tra le regole dell'Unione europea e quelle dell'International Maritime Organization (IMO) per vanificare l'efficacia delle politiche ambientali nello shipping.

Una misura internazionale basata sul mercato può essere descritta come una regola o un quadro giuridico basato su incentivi finanziari che incoraggino a utilizzare combustibili a basse o a zero emissioni di anidride carbonica. Il problema è che fintanto che i combustibili tradizionali restano  notevolmente più economici, l'adozione di combustibili alternativi è scoraggiata e mette chi privilegia questi ultimi in una posizione di svantaggio, meno competitiva.

«L'equalizzazione dei costi può anche stimolare l'innovazione, perché il mercato potenziale cresce e velocizza l'installazione dell'infrastruttura richiesta», afferma Kaptanoglu, secondo il quale è l'IMO la piattaforma legislativa di riferimento.

-
credito immagine in alto

Tag: ambiente