|
napoli 2
04 aprile 2020, Aggiornato alle 18,32
intersped 2

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

speciale1
Logistica

Rotterdam da record anche nel 2019

Movimentati gli stessi volumi dell'anno precedente. Fatturato netto cresce. Gli investimenti che l'autorità impegna restano importanti

Il porto canale di Rotterdam dal satellite (in falsi colori)

L'anno scorso uno dei principali porti commerciali d'Europa, Rotterdam, ha movimentato 469,4 milioni di tonnellate, bissando il volume del 2018, registrando una crescita dello 0,1 per cento e confermando il record storico.

I container movimentati sono stati 14,8 milioni di TEU, in crescita del 2 per cento. I rotabili crescono dello 0,8 per cento a 24,2 milioni di tonnellate.

Cresce sensibilmente l'importazione di gas naturale liquefatto, grazie all'aumento della produzione nell'area atlantica a discapito dell'esportazione asiatica. Cresce anche l'import-export di biocarburanti, in particolare biodiesel.

Gli investimenti di Port of Rottedam restano ingenti, pari nel 2019 a 338,3 milioni di euro, ma inferiori sul 2018, quando sono stati 408,1 milioni. Risorse così alte, come spiega l'autorità portuale, sono dovute alle grosse risorse richieste per costruire i nuovi terminal portuali nell'area di Maasvlakte, avviare nuovi allacci ferroviari lungo la Theemsweg e costruire un nuovo piazzale nel terminal Hartel Tank.

L'anno scorso il fatturato dell'ente portuale è stato di 706,6 milioni di euro, circa 600 mila in meno sul 2018. Il reddito comunque è aumentato mentre i rendimenti dei contratti di locazione sono leggermente diminuiti. Il risultato netto è di 241 milioni (254,1 milioni nel 2018).

Le rinfuse liquide sono state pari  a 211 milioni di tonnellate, in calo dello 0,3 per cento. Cresce del 3,9 per cento il greggio, pari a 104,2 milioni di tonnellate.

Per ulteriori informazioni, continuate a leggere sul sito dell'autorità portuale di Rotterdam.