|
napoli 2
30 luglio 2021, Aggiornato alle 18,09
intersped 2

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

unitraco2
Logistica

Rinnovato il CCNL Logistica, 104 euro in busta paga

Un accordo che per la prima volta vede d'accordo tutte le associazioni di categoria - 24 - con i sindacati. Un milione di lavoratori interessati

(Tony Webster/Flickr)

È stato sottoscritto oggi a Roma, tra 24 associazioni di categoria e i sindacati Filt-Cgil, Fit-Cisl e Uiltrasporti, l'accordo di rinnovo del Contratto collettivo nazionale di lavoro (CCNL) logistica, trasporto e spedizione, che era scaduto il 31 dicembre 2019.

Ai lavoratori impiegati in questo quadro (corrieri e autotrasportatori, tra gli altri, all'incirca un milione di persone in tutto) viene riconosciuto un importo medio a regime di 104 euro mensili, per una durata del nuovo contratto fino al 31 marzo 2024, a cui va aggiunta una somma una tantum di 230 euro per il periodo di carenza contrattuale.

Il rinnovo è il frutto di un'intesa tra 24 associazioni di categoria e i sindacati, ed è la prima volta che firmano praticamente tutti, tra cui Fai-Conftrasporto, Anita e Confetra.

L'aumento contrattuale sarà corrisposto in parte sui minimi (90 euro), in parte come elemento distinto della retribuzione (10 euro), cioè non incidente sugli istituti contrattuali, e in parte andrà a rafforzare la bilateralità del settore (4 euro). Chiudono l'intesa gli avvisi comuni sottoscritti il 3 dicembre scorso per sollecitare politiche governative su una serie di temi strategici per il settore - tra cui costo del lavoro, infrastrutture e legalità - e l'impegno delle parti da oggi al prossimo rinnovo a modernizzare il contratto per allinearlo ai cambiamenti in atto all'interno della filiera.

«È un importante risultato» per i sindacati. «Il valore di questa firma – si legge in una nota - tenendo conto della delicata fase congiunturale in cui si colloca questo rinnovo, è rappresentato dal consolidamento dell'unicità contrattuale e dall'ampliamento della platea dei destinatari che va dal camionista al rider, sfiorando il milione di lavoratori e lavoratrici e rendendolo di fatto uno dei contratti nazionali di riferimento nel panorama italiano della contrattazione collettiva».

Per il presidente Confetra, Guido Nicolini, «questo accordo dimostra il senso di responsabilità di tutte le parti coinvolte, datoriali e sindacali, che in un momento non facile hanno saputo trovare una sintesi equilibrata tra le giuste aspettative dei lavoratori e le difficoltà delle aziende. D'altra parte non si poteva fare altrimenti per un contratto che, rivolgendosi ad una platea di oltre un milione di addetti, rappresenta un riferimento indispensabile per tutte le imprese la cui attività rientra nella filiera logistica qualunque sia la modalità con la quale viene svolta».

Tag: lavoro