|
napoli 2
17 ottobre 2021, Aggiornato alle 18,14
intersped 2

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

unitraco2

Repressione pirateria, l'industria marittima lancia la Dichiarazione del Golfo di Guinea

Bimco ricorda che il 95% dei rapimenti di equipaggi avvengono nelle acque della Nigeria


La pirateria nel Golfo di Guinea deve essere combattuta e sconfitta, come è (quasi) accaduto nelle acque della Somalia. Per affrontare con decisione il problema anche sulla costa occidentale del continente africano, spiega Bimco (Baltic and International Maritime Council), 99 compagnie marittime, organizzazioni di settore e Stati nazionali hanno firmato la Dichiarazione del Golfo di Guinea sulla repressione della pirateria.

Nel 2020, 135 membri dell'equipaggio sono stati rapiti dalle loro navi in tutto il mondo, con il Golfo di Guinea che rappresenta oltre il 95% del numero di equipaggi rapiti. Ciò è avvenuto in acque internazionali in un'area inferiore al 20% della superficie di mare dominata pochi anni fa dai pirati somali. I pirati lanciano i loro attacchi dal delta del Niger, dove successivamente tengono anche i loro ostaggi.

Bimco accoglie con favore i passi positivi compiuti dagli stati regionali, in particolare la Nigeria. Tuttavia, in realtà, ci vorranno alcuni anni prima che questi stati possano gestire efficacemente il problema. Nel periodo intermedio la soluzione migliore è disporre di risorse militari capaci da Stati non regionali capaci e disponibili a combattere attivamente la pirateria nell'area a sostegno degli sforzi dei Paesi della regione. I firmatari credono fermamente che la pirateria e i tentativi di rapimento siano prevenibili attraverso operazioni antipirateria attive e che entro la fine del 2023 il numero di attacchi da parte dei pirati possa essere ridotto almeno dell'80%.
 

Tag: pirateria