|
napoli 2
20 ottobre 2021, Aggiornato alle 19,17
intersped 2

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

unitraco2
Logistica

Raccolta materiali metallici, istituito il Registro

Il Coordinamento Fai Campania-Roma spiega le modalità d'iscrizione


 In attuazione della legge "Misure urgenti per la semplificazione e l'innovazione digitale", che ha ritenuto di semplificare il recupero di materiali metallici, il comitato nazionale Albo gestori ambientali ha disposto, l'istituzione del Registro al quale le aziende italiane ed estere possono iscriversi, in modalità semplificata, ai fini dell'abilitazione all'esercizio delle attività di raccolta e trasporto di rifiuti costituiti da materiali metallici e destinati a specifiche attività di recupero. La citata delibera entrerà in vigore il primo settembre 2021. 

Al riguardo – spiega il Coordinamento Fai di Napoli, Salerno, Caserta, Avellino e Roma – va subito evidenziato che l'iscrizione nel nuovo Registro non è necessaria per le imprese di trasporto che sono già iscritte nella categoria 4, raccolta e trasporto di rifiuti speciali non pericolosi o nella 6, trasporto transfrontaliero di rifiuti. Per le altre imprese, invece, l'iscrizione al Registro consente di esercitare l'attività di trasporto nel rispetto della normativa nazionale e internazionale sull'autotrasporto di merci. 

In attesa della definizione degli appositi requisiti, l'incarico di responsabile tecnico delle imprese che presentano domanda d'iscrizione, è assunto dal legale rappresentante dell'impresa. La Sezione regionale o provinciale dopo aver verificato la sussistenza dei presupposti e dei requisiti per l'esercizio dell'attività, delibera entro trenta giorni l'iscrizione al registro. Se viene accertato il mancato rispetto dei presupposti o dei requisiti, la Sezione regionale o provinciale dispone con provvedimento motivato il divieto di prosecuzione dell'attività, salvo che l'interessato non provveda a conformarsi, per non più di una volta, alla normativa vigente entro il termine prefissato dalla Sezione stessa. 

Qualora alla scadenza del termine concesso per la regolarizzazione l'impresa non si sia adeguata, nonché in caso di recidiva, la Sezione procede alla cancellazione dell'iscrizione dal registro. Le imprese iscritte al registro sono tenute, alla corresponsione di un diritto annuale d'iscrizione secondo importi predeterminati in base alla classe di iscrizione richiesta. L' iscrizione al registro dovrà essere rinnovata ogni 5 anni. Le aziende interessate all'iscrizione, ricorda il Coordinamento Fai, possono inviare una mail allo Studio di Consulenza Tecnico – Ambientale Delta: sicurezza@consulenzadelta.it