|
napoli 2
11 novembre 2019, Aggiornato alle 15,38
intersped 2

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

Click&Boat 2

Prevenire gli attacchi hacker, Confitarma presenta vademecum

La guida per gli armatori è stata illustrata da Valeria Novella nel corso del "Port & Shipping Tech" della Genoa Shipping Week

Valeria Novella

Una guida per mantenere sicuri i sistemi informatici delle navi, evitare gli attacchi o le intromissioni accidentali. È il vademecum per la sicurezza informatica di Confitarma, realizzato a maggio e presentato oggi nel corso della Genoa Shipping Week (Port & Shipping Tech) di Genova da Valeria Novella, vicepresidente della Commissione Navigazione Oceanica dell'associazione armatoriale.

«In attesa di una normativa o almeno di linee guida - spiega Novella - abbiamo ritenuto opportuno dare alle nostre aziende il maggior numero di informazioni possibili sui concreti pericoli connessi ad intromissioni accidentali ed intenzionali nei sistemi informatici, specie in quelli di bordo». Il vademecum contiene una raccolta di suggerimenti, informazioni, indicazioni tecniche e precauzionali su come gestire la sicurezza informatica a bordo delle navi mercantili che possano, in qualche modo, essere utili per prevenire e mitigare i rischi e le minacce di attacchi informatici. 

Per la realizzazione del Vademecum sono stati presi in esame documenti e pubblicazioni internazionali sulla cyber security nel campo marittimo, in particolare, documenti del governo britannico e delle principali organizzazioni internazionali di riferimento (BIMCO, CLIA, ICS, INTERCARGO, INTERTANKO, OCIMF e IUMI). «In pratica - spiega Novella – abbiamo adattato tali documenti alla normativa nazionale vigente, partendo dalla constatazione che non esistevano, e non esistono tuttora, a livello nazionale linee guida di riferimento, a fronte dell'esigenza di poter fornire alle aziende associate elementi ed informazioni che ampliassero la consapevolezza dei rischi informatici per consentire loro di mettere in atto almeno i primi e basilari adeguamenti organizzativi».

«È evidente - conclude Novella - che le iniziative finora messe in campo e gli stessi documenti prodotti non sono esaustivi e che è necessario tenere costantemente sotto osservazione quanto accade sia a livello di eventi e attacchi informatici che ogni giorno registriamo che negli adeguamenti normativi internazionali e nazionali. Pertanto, non è escluso che a breve procederemo alla stesura di una edizione aggiornata del nostro Vademecum».