|
adsp napoli 1
28 febbraio 2024, Aggiornato alle 17,53
forges1

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

unitraco2
Infrastrutture

Posata la chiglia della prossima nave multiruolo della Guardia Costiera

Cerimonia ad Adria, nel Cantiere Navale Vittoria, insieme alla dirigenza delle Capitanerie e di Fincantieri


Fincantieri e il Cantiere Navale Vittoria hanno celebrato oggi, nello stabilimento dell'azienda veneta ad Adria, in provincia di Rovigo, la posa della chiglia dell'unità d'altura multiruolo (UAM) destinata alla Guardia Costiera italiana sancendo, simbolicamente e ufficialmente, l'inizio della parte più significativa della fase costruttiva dell'imbarcazione.

L'ordine, insieme alla realizzazione dell'unità d'altura multiruolo, prevede il servizio di temporary support per la durata di cinque anni e l'opzione per la eventuale costruzione di ulteriori due unità. La progettazione e costruzione dell'unità "green", dal valore di circa 80 milioni di euro (comprensivo delle attività di supporto logistico integrato e temporary service), era stata affidata nel 2021 dal comando generale delle Capitanerie di Porto-Guardia Costiera al raggruppamento temporaneo di imprese formato da Fincantieri e Cantiere Navale Vittoria. 

La UAM da 85 metri di lunghezza fuori tutto, ideata per assolvere alle diverse mission affidate alla Guardia Costiera, dal soccorso in mare alla sicurezza della navigazione, dalla tutela dell'ambiente marino a quella delle risorse ittiche, fino ad arrivare all'impiego quale sede di comando operativo per la gestione degli svariati dispositivi di protezione civile in missioni di intervento in risposta a gravi disastri e calamità, verrà realizzata interamente presso il Cantiere veneto con consegna programmata per fine aprile 2025. L'unità, che andrà ad aumentare e potenziare le capacità operative della Guardia Costiera, sarà impiegata in operazioni d'altura a lungo raggio (con un'autonomia logistica di almeno 20 giorni, superiore a 4,800 miglia), nelle quali potrà assumere, grazie alle tecnologie e agli avanzati sistemi di comunicazione e scoperta presenti a bordo, anche il ruolo di comando e controllo per il coordinamento di mezzi aeronavali nelle aree di operazione. La presenza di un ampio ponte di lavoro con gru off-shore e una rampa di imbarco per veicoli ruotati, insieme al ponte di volo per l'appontaggio e il decollo di elicotteri, a dedicate rescue zone con relativi battelli gonfiabili a chiglia rigida (rigid hull inflatable boat), ai sistemi antinquinamento (rec-oil), alla zona ospedale e altre dotazioni, favoriscono l'elevata versatilità e la necessaria capacità multiruolo dell'unità navale.

Seguendo il rituale benaugurante, in conclusione dell'evento, sui primi due blocchi dello scafo già realizzati è stata saldata una targa evocativa della giornata.  La cerimonia è avvenuta alla presenza di Nicola Carlone, comandante generale della Guardia Costiera; di Paolo Duò, presidente del Cantiere Navale Vittoria; di Luigi Duò, board member del consiglio di amministrazione del Cantiere Navale Vittoria; e di Dario Deste, direttore generale Divisione Navi Militari di Fincantieri.