|
napoli 2
25 settembre 2020, Aggiornato alle 17,23
intersped 2

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

unitraco2
Logistica

Porto di Napoli, si ferma l'autotrasporto Fai

Un fermo di tre giorni, più che per protesta per recuperare le ore di lavoro perse ad aspettare fuori i terminal


 Anche gli autisti devono lavorare il giusto e riposare, almeno un po'. È questo il senso della protesta degli autostrasportatori del Fai-Conftrasporto del porto di Napoli che da domani, fino al 3 settembre, interromperanno le attività di consegna e ritiro dai terminal.


Troppi i tempi di attesa che portano i camionisti a sforare le "condizioni di sicurezza del personale viaggiante" stabilite dalle norme europee (reg. Ue 561/2006) e che ora vanno ripristinate. «Vogliamo terminal che funzionano come nel resto d'Europa. Sappiamo degli investimenti futuri di Terminal Flavio Gioia e Conateco, ma nel frattempo ci devono dare la possibilità di lavorare nella normalità, altrimenti saremmo costretti a fermi periodici per far recuperare le ore di lavoro perse in coda», spiega Ciro Russo, segretario regionale Fai. «Non ci sono - continua - solo le esigenze di navi e operatori ma anche delle persone, autisti che attendono tempi biblici per terminare le loro attività in questo porto. Così siamo costretti a rimodulare, come in un fermo impianto, le ore di lavoro». La normativa europea, infatti, prevede dei paramentri orari fissi e inderogabili del lavoro mensile e bimestrale. La sospensione è riferita solo alle attività di consegna e ritiro ai terminal per i giorni dal primo al 3 settembre, restando invariate il resto delle operazioni di trasporto.
In relazione al traffico container il commissario straordinario dell'Autorità portuale di Napoli ha diramato oggi un'ordinanza con la quale «a decorrere dalle ore 7 dell'1 settembre 2016, per una durata presunta di giorni 15 e comunque fino al termine dell'esigenza (lavori cittadini sull'adiacente via Reggia di Portici, ndr.), il varco S. Erasmo resterà chiuso al traffico veicolare. Per l'uscita dall'ambito portuale i veicoli trasportanti container vuoti utilizzeranno in alternativa il varco Bausan secondo i percorsi indicati dalla segnaletica predisposta dall'Autorità portuale» 

 P. Bo.