|
adsp napoli 1
29 novembre 2022, Aggiornato alle 18,32
forges1

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

unitraco2
Logistica

Porto di Genova, Spinelli amplia la concessione verso l'ex carbonile Enel

1,300 metri quadri dell'area ex Itar vanno ad espandere logisticamente gli spazi dell'operatore. L'autorità portuale rilascia aiuti economici ai portuali e tutta una serie di altre concessioni

L'area del terminal in gestione al gruppo Spinelli, nel porto di Genova

Il Comitato di gestione dell'Autorità di sistema portuale della Liguria Occidentale ha rlilasciato una licenza a favore di Spinelli per la gestione delle aree ex Itar del porto di Genova, circa 1,300 metri quadri in testata dell'ex carbonile Enel. Una licenza che amplia gli spazi dell'operatore, visto che si vanno a integrare, dal punto di vista logistico e operativo, al compendio in concessione verso Sud, cioè sul lato mare, e verso Levante.

Come ha spiegato Spinelli nella richiesta di ampliamento della concessione presentata nei mesi scorsi, la ripresa dei tassi di crescita dei traffici e delle operazioni portuali dopo la crisi causata dal crollo del Ponte Morandi, e dopo l'emergenza pandemica, l'area in concessione si è saturata, raggiungendo solo nel 2019 un tasso di riempimento di 3,64 TEU per metro quadro e incrementando i traffici, nel 2021 del 10,7 per cento nei primi otto mesi. Per ovviare a queste difficoltà di spazi, fino al 17 giugno 2024 a Spinelli è stata concessa un'area di 7,125 metri quadri, corrispondente alla parte di Ponente dell'ex carbonile Enel.

La delibera dell'autorità portuale di Genova segue una serie di decisioni prese oggi dal Comitato di gestione, che riguardano aiuti economici per i portuali, una concessione per Porto Antico, un'altra per Riparazioni Navali e un'ampliamento di concessione per SV Port Service, più tutta una serie di rilasci, rinnovi, volture e sospensioni.

Per quanto riguarda i portuali, il Comitato di gestione ha riconosciuto un importo pari a 353 mila euro a favore della CULMV "Paride Batini" di Genova quale contributo a valere sulle attività formative per il personale svolte nel quarto trimestre del 2021 (comma 15-bis, art. 17 legge 84/94), nonché il riconoscimento di 1,666.170 euro quale saldo del contributo relativo alle minori giornate registrate nel corso del 2021 rispetto all'anno 2019 riconducibili alle mutate condizioni economiche del sistema portuale italiano conseguenti all'emergenza COVID-19 (art. 199 legge 77/2020 e s.m.i. per l'impresa autorizzata ex art. 17 legge 84/94). In ultimo, sempre per la Compagnia "Paride Batini" il Comitato ha deliberato il riconoscimento di una somma complessiva di 1.736.151 euro per il reimpiego in altre mansioni del personale non idoneo allo svolgimento delle operazioni e servizi portuali nel periodo compreso tra aprile e dicembre del 2021.

Il board ha espresso parere favorevole al rilascio a Porto Antico di Genova S.p.A. – società pubblica partecipata dal Comune di Genova (54%) e dall'Autorità di Sistema Portuale del Mar Ligure Occidentale (3,6%) – di un'unica concessione della durata di 25 anni (fino al 2047) su aree e specchi acquei nell'area di Levante del distretto industriale delle riparazioni navali già oggetto di titoli concessori pluriennali e per licenza. Questo passaggio consentirà a Porto Antico S.p.A. di rilanciare la "Marina" dotandola di più ampi e innovativi servizi in linea con i principali competitor presenti sul mercato, valorizzando contemporaneamente le iniziative avviate dall'amministrazione comunale che stanno interessando la zona della Fiera nel suo complesso. La gestione unitaria delle aree, che consentirà anche la crescita del Salone Nautico Internazionale di Genova, coerentemente agli accordi stipulati nel 2019, porterà alla creazione di un ampio polo integrato della nautica di media e piccola caratura.

Per quanto riguarda l'area industriale Riparazioni navali del porto di Genova, il Comitato ha approvato il rilascio di una concessione decennale alla società Gennaro S.r.l. per immobili situati a Molo Cagni e il riassetto dei titoli concessori sui capannoni di Via dei Pescatori a favore di Amico & Co e Lagomarsino Anielli S.r.l.

Parere favorevole anche sull'ampliamento della concessione e dell'integrazione del contratto di locazione alla SV Port Service SRL relativa all'impianto fotovoltaico posto sull'edificio amministrativo del terminal containers e sull'edificio port gate nelle aree retroportuali di Vado Ligure.  La SV Port Service S.R.L. – affidataria del servizio di distribuzione di energia elettrica e di illuminazione a servizio di tutte le opere connesse alla Piastra Multifunzionale di Vado – avvierà le procedure autorizzative per mettere in esercizio gli impianti fotovoltaici contestualmente all'installazione delle apparecchiature necessarie. L'energia "green" così prodotta potrà essere scomputata dai costi di consumo in carico ad AdSP centrando l'obiettivo di risparmio in termini economici e di sostenibilità ambientale.

Sono stati approvati provvedimenti relativi al rilascio, rinnovo, voltura e sospensione autorizzazioni e concessioni ex art. 24, ex art. 45 bis. e 55 cod. nav., nonché iscrizioni nel registro ex art. 68 del Regolamento Codice della Navigazione per le attività industriali, artigianali.

Infine, via libera del board anche alla Relazione annuale 2021 (secondo l'art.  9, Comma 5, LETT. E, L. 84/94 s.m.i.) che sarà inviata nei tempi previsti al ministero delle Infrastrutture.
 

Tag: genova