|
napoli 2
23 ottobre 2021, Aggiornato alle 18,41
intersped 2

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

unitraco2
Politiche marittime

Porto di Catania, Ancip: "Nuovo articolo 17 da valutare"

Dopo le proteste degli ultimi giorni, l'associazione nazionale dei portuali evidenzia l'importanza dei "nuovi ed efficienti strumenti di sostegno del legislatore"


«La valutazione della costituzione nei porti di Catania ed Augusta di un nuovo articolo 17, con i nuovi ed efficienti strumenti di controllo e di sostegno che il legislatore ha inserito, va quantomeno valutato e approfondito e l'associazione si rende disponibile sin da subito per qualsiasi azione che vada in questa direzione o comunque nella direzione che tuteli le persone ed il lavoro». Così ANCIP (Associazione Nazionale Compagnie Imprese Portuali) commenta le recenti proteste dei portuali siciliani, all'indomani dello sciopero generale del 5 marzo nel porto di Genova. 

«Gli articoli 17 della legge 84/94 - continua la nota - rappresentano la spina dorsale dei maggiori porti italiani e l'elemento imprescindibile di raccordo nella catena intermodale della logistica, poiché grazie alla propria alta specializzazione e formazione permette al sistema portuale di offrire dei servizi ottimali in termini di sicurezza, efficienza, flessibilità e massima resa».

«Quello che oggi sta accadendo ai lavoratori del porto di Catania – conclude la nota -  è qualcosa che mai vorremmo vedere perché va a ledere l'occupazione, e quindi anche la serenità familiare, di decine di persone che per scelte definite "strategiche" rischiano di rimanere senza lavoro. In tanti porti gli articoli 17 si sono dimostrati uno strumento in grado di moderare i problemi di regolazione del mercato insorti anche per interpretazioni ed applicazioni diverse dalla norma ed hanno impedito negli anni la precarizzazione incontrollata del lavoro portuale».

-
credito immagine in alto

Tag: portuali - catania