|
adsp napoli 1
04 ottobre 2022, Aggiornato alle 21,13
forges1

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

unitraco2
Armatori - Infrastrutture

Porto di Barcellona, la Trasmed di Grimaldi prima a elettrificarsi

Le navi della compagnia che collega Spagna, Italia e Baleari si collegheranno all'elettricità di terra fornita dal molo San Bertran

L'amministratore delegato del gruppo armatoriale napoletano, Emanuele Grimaldi, e il presidente del porto di Barcellona, Damià Calvet

Il gruppo Grimaldi è la prima società concessionaria del porto di Barcellona ad aderire al progetto Nexigen, il piano di decarbonizzazione dello scalo spagnolo. La firma nei giorni scorsi a Roma tra l'amministratore delegato del gruppo armatoriale napoletano, Emanuele Grimaldi, e il presidente del porto di Barcellona, Damià Calvet.

L'accordo permetterà alle navi di Trasmed GLE, la compagnia marittima che collega Spagna, Italia e Baleari acquisita da Grimaldi a luglio dell'anno scorso, di alimentarsi direttamente da terra quando in sosta sul molo San Bertran, spegnendo i motori e abbattendo le emissioni inquinanti della zona. Le unità si collegheranno alla Onshore Power Supply del porto di Barcellona, il sistema di alimentazione da terra per le navi, o cold ironing, in via di sviluppo.

Il piano Nexigen del porto di Barcellona sta lavorando in questo periodo a come estendere il cold ironing su tutta la darsena traghetti. Le prime unità dovrebbero essere collegate tra la fine del 2023 e l'inizio del 2024, come ha riferito Calvet.