|
adsp napoli 1
02 dicembre 2022, Aggiornato alle 17,37
forges1

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

unitraco2
Personaggi

Pirateria, un italiano a capo della missione Atlanta

È l'Ammiraglio di divisione Enrico Credendino, che assumera la giuda dell'operazione militare europea nell'oceano Indiano a partire dal 6 agosto


A partire dal 6 agosto l'Ammiraglio di divisione Enrico Credendino assumerà l'incarico di comandante della Missione Atalanta, l'operazione militare aereo-navale dell'Ue che ha lo scopo di contribuire alla dissuasione, alla prevenzione e alla repressione degli atti di pirateria e delle rapine a mano armata al largo del Corno d'Africa. Tra i compiti della missione europea,  iniziata nel dicembre 2008, c'è anche quello di scortare le navi mercantili del Programma Alimentare Mondiale delle Nazioni Unite, incaricate di consegnare gli aiuti alimentari in Somalia.
Intanto, riferisce l'Agenda Confitarma, il Mozambico è il 20° Stato firmatario del Codice di condotta relativo alla repressione della pirateria e delle rapine a mano armata contro le navi nell'Oceano Indiano occidentale e il Golfo di Aden (Codice di condotta di Gibuti), istituito dall'IMO per sviluppare la capacità regionale di contrasto al fenomeno degli attacchi in mare. Gli altri stati firmatari sono: Comore, Gibuti, Egitto, Eritrea, Etiopia, Giordania, Kenya, Madagascar, Maldive, Mauritius, Oman, Arabia Saudita, Seychelles, Somalia, Sud Africa, Sudan, Emirati Arabi Uniti, la Repubblica Unita della Tanzania e Yemen.