|
adsp napoli 1
03 ottobre 2022, Aggiornato alle 18,36
forges1

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

unitraco2
Armatori

Ormeggiare le navi col satellite, joint Grimaldi-Agenzia Spaziale Europea

Tramite il programma NAVISP svilupperà nel porto di Anversa, insieme a Kongsberg e Radiolabs, nuove manovre di attracco delle "pure" con tecnologie all'avanguardia


L'Agenzia Spaziale Europea (ESA), tramite il programma NAVISP e con il contributo dell'Agenzia Spaziale Italiana (ASI), ha assegnato al Gruppo Grimaldi il progetto GSAB (Grimaldi Satellite Assisted Berthing) per sviluppare e validare il primo sistema a guida assistita con tecnologia satellitare per le manovre di attracco di navi di tipo pure car & truck carrier di grandi dimensioni, quelle in cui Grimaldi primeggia a livello mondiale.

L'armatore napoletano coordinerà un team internazionale con la norvegese costruttrice di mezzi terminalistici Kongsberg e il Consorzio Radiolabs che, oltre a supportare il gruppo Grimaldi come co-prime contractor, curerà l'attività di progettazione, esecuzione e validazione del sistema nelle condizioni operative. Per i test operativi, per la prima volta verrà utilizzata una delle più grandi e recenti navi ro-ro del gruppo partenopeo

GSAB prevede una prima fase di un anno e mezzo per la progettazione delle apparecchiature e relativi test di laboratorio e pre-installazione delle stesse a bordo nave. La seconda fase, già discussa e concordata con ESA, sarà attivata a partire da marzo 2024 e prevede i test in campo reale che si svolgeranno nel porto di Anversa presso il terminal Grimaldi Antwerp Euroterminal, e l'analisi e validazione degli stessi per pianificare le ulteriori fasi necessarie alla messa in servizio.

GSAB prevede lo sviluppo di un sistema per la guida assistita all'ormeggio della nave, utilizzando le nuove tecnologie di localizzazione satellitare in ausilio ai sistemi di automazione di ultima generazione installati a bordo nave. Per il primo livello di navigazione autonoma, presso il porto di Anversa, la tecnologia non opererà in automatico ma fornirà informazioni al comando nave in ausilio alle decisioni facilitando l'ormeggio.

Emanuele Grimaldi, amministratore delegato dell'omonimo gruppo, sottolinea in una nota come la sperimentazione di questa tecnologia permetterà di aumentare l'efficienza e la sicurezza dei sistemi di conduzione delle navi.

Il gruppo Grimaldi, primo armatore al mondo nel trasporto di rotabili, ha sede a Napoli e opera con una flotta di 130 navi di proprietà. Ha in costruzione al momento dieci navi, più altre dieci in fase di progetto.

Tag: grimaldi