|
napoli
22 febbraio 2019, Aggiornato alle 16,38
intersped

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

Click&Boat
Eventi

Norme e tecnologia, conferenza ormeggiatori a Genova

Nel capoluogo ligure si sperimenta il nuovo sistema di ormeggio shore tension


Le novità normative e tecnologiche dei servizi portuali sono state nei giorni scorsi al centro della conferenza di Angopi-Eba-Ibla, le associazioni internazionali della categoria che si è tenuta a Palazzo San Giorgio, sede dell'autorità di sistema portuale di Genova.


"Un percorso legislativo avviato 15 anni fa con le direttive De Palacio – ha spiegato Alessandro Serra, presidente dell'European boatmans association - che finalmente ha visto la luce con un regolamento europeo che regola il nostro settore e in qualche modo chiarisce l'esistenza di un legame tra la nostra attività servizio di ormeggio e la sicurezza della navigazione in ambito portuale".


Nel capoluogo ligure la cooperativa, che conta 64 ormeggiatori iscritti nel registro della Capitaneria di Porto e che ha svolto nel 2016 circa 14 mila operazioni di ormeggio, è la prima alla quale è stata accordata la sperimentazione in Italia del nuovo sistema di ormeggio shore tension.


Si tratta di un pistone oleodinamico collocato in banchina che viene collegato a cavi che supportano carichi di rottura molto elevati, che permette di controllare in remoto tutti i dati dell'ormeggio e quindi di intervenire prima di eventuali emergenze.