|
adsp napoli 1
17 maggio 2022, Aggiornato alle 15,38
intersped 2

Informazioni MarittimeInformazioni Marittime

unitraco2
Armatori

Navigazione autonoma, in Giappone i test a lunga distanza

Il mercantile Suzaku ha viaggiato senza equipaggio per 426 miglia

La nave autonoma giapponese "Suzaku"

In Giappone è stato recentemente completato il quinto test nell'ambito del programma di navigazione autonoma MEGURI2040. A partire da febbraio, il programma, che coinvolge più di 30 società e un totale di 60 organizzazioni, ha dimostrato diversi aspetti delle operazioni di navi autonome senza pilota, tra cui le manovre, l'attracco e la partenza utilizzando navi portacontainer e traghetti. Nell'ultimo test, una nave da carico costiera è stata inviata su lunghe distanze per quattro giorni, inclusa la navigazione attraverso corsi d'acqua fortemente congestionati.

Per la prova di resistenza, i sistemi sono stati montati a bordo di una nave mercantile operante in Giappone, la Suzaku. La nave da 1.800 dwt è lunga 279 piedi ed è in grado di viaggiare a velocità fino a 12 nodi. Suzaku è partita dalla baia di Tokyo il 26 febbraio percorrendo una distanza totale di circa 426 miglia nautiche andata e ritorno fino al porto di Tsu-Matsusaka, nella baia di Ise a sud della capitale, sempre sull'isola principale di Honshu.

L'unità era dotata di una funzione di navigazione autonoma e collegata tramite satellite e una linea di comunicazione a terra a un centro operativo della flotta. Durante il viaggio, hanno testato funzioni come le manovre a distanza e la previsione di anomalie del motore per supportare il funzionamento di una nave completamente autonoma dalla costa.

L'operazione includeva manovre offshore, navigazione in baia, navigazione costiera e manovre di attracco. Gli operatori hanno notato che uno dei punti più difficili della dimostrazione è stata la navigazione attraverso la trafficata baia di Tokyo, che in media ha 500 navi che si muovono attraverso il corso d'acqua ogni giorno.